Ci siamo trasferiti su molisetabloid.com

Gentili utenti,
Molise Tabloid si rinnova. Da lunedì 27 marzo 2017 una nuova piattaforma ospita la nostra testata, presentando solo parzialmente una grafica diversa rispetto a quella precedente. Due gli obiettivi di questa scelta, divenuta ormai necessaria: arginare una serie di problematiche che non hanno garantito il corretto funzionamento del sito nelle ultime settimane (e per tale motivo ci scusiamo con voi); adeguare la piattaforma a nuove esigenze, fra cui ad esempio la progettazione di una versione ‘mobile’ adatta a dispositivi come gli smartphone. Per accedere a Molise Tabloid, cambierà poco o nulla. Nei prossimi giorni, collegandovi a www.molisetabloid.it verrete automaticamente reindirizzati a www.molisetabloid.com (servizio garantito entro le 48 ore successive alla messa online della nuova piattaforma) oppure, se preferite, potrete digitare direttamente l’indirizzo web www.molisetabloid.com. Sui social network, invece, compariranno direttamente i link del nuovo sito. L’attuale piattaforma (molisetabloid.altervista.org) sopravviverà come archivio storico, accessibile sul nuovo sito attraverso un banner laterale apposito. Scusandoci per il disagio e ringraziandovi per la vostra fedeltà, vi invitiamo a continuare a seguirci ed eventualmente a segnalarci suggerimenti circa la nuova grafica.

Serie D. Agnonese vince in rimonta sul Castelfidardo, Campobasso: finisce senza reti contro la capolista Fermana

Serie D girone F giornata 28 – 26/3/2017

Risultati definitivi

Agnonese – Castelfidardo 4-3 Guida (A) 15′ e 75′, Lodi (C), Galli (C), Filipponi (C), Ricamato (A) 82′, Gragnoli (A) 86′
Campobasso – Fermana 0-0
Sammaurese – Civitanovese 4-1
Recanatese – Matelica 0-2
Alfonsine – San Nicolò 0-2
Jesina – Vastese 0-1
Pineto – San Marino 1-0
Vis Pesaro – Monticelli 1-2
Riposa: Romagna Centro

Guarda la classifica qui.

Studente pizzicato vicino scuola con la marijuana, altre tre persone finiscono in una ‘retata’ antidroga dei Carabinieri. Fermato centauro ubriaco

Controlli dei Carabinieri sono stati predisposti al fine di contrastare il fenomeno dello spaccio e dell’uso di sostanze stupefacenti, nonché l’abuso di sostanze alcoliche, con particolare riferimento ai più giovani, maggiormente esposti a tali rischi. A conclusione delle operazioni sono state quattro le persone che dovranno rispondere di detenzione illegale di sostanze stupefacenti e una di guida in stato di ebrezza alcolica. Sottoposte a sequestro varie dosi di marijuana e hashish, una moto da corsa e ritirata una patente di guida. Ad Isernia i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno sorpreso un 19enne del posto, studente presso un istituto scolastico del centro cittadino, in possesso di un involucro contenente marijuana, mentre a Rionero Sannitico, un 20enne del luogo è stato trovato in possesso di dosi di hashish. A Carovilli i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Agnone hanno invece sorpreso un 40enne del posto in possesso di un sacchetto di cellophane contenente marijuana, ed ancora a Sesto Campano, lungo l’arteria principale di collegamento con Presenzano, in provincia di Caserta, i militari della locale Stazione hanno fermato un 30enne di San Tammaro (CE), che a bordo della propria autovettura trasportava alcuni involucri contenenti sostanze stupefacenti del tipo hashish. Tutta la droga rinvenuta è stata sottoposta a sequestro, mentre continuano le indagini per accertare il canale di rifornimento delle dosi e se le stesse erano per uso personale o se destinate all’attività di spaccio nella provincia “pentra”. Infine sempre a Sesto Campano i militari del N.O.R. della Compagnia di Venafro hanno denunciato un 25enne di Casoria, in provincia di Napoli, sorpreso alla guida di una moto da corsa, completamente ubriaco, mettendo così in gravissimo pericolo la propria incolumità e quella degli altri utenti della strada. Dagli accertamenti eseguiti, il tasso alcolemico risultava superiore di circa tre volte il limite previsto dalla normativa vigente. La moto è finita sotto sequestro e la patente di guida ritirata.

Serie D. Agnonese a Monticelli con la ‘marcia’ playoff. Campobasso in casa della Civitanovese: confermare buon momento

Serie D girone F giornata 27 _ 19/3/2017

Risultati definitivi (inizio ore 14.30)

Monticelli – Agnonese 1-1
Civitanovese – Campobasso 0-3
Castelfidardo – Sammaurese 0-1
Fermana – Matelica 2-1
Alfonsine – Jesina 2-1
Vastese – Romagna C. 1-2

Sabato 18.3.2017
San Marino – Vis Pesaro 0-0
San Nicolò – Pineto 1-1

Riposa: Recanatese

Guarda la classifica qui.

Terremoto e solidarietà, dal Molise una campana per la nuova chiesa di Santa Maria Monticilli di Casali di Sopra di Amatrice

La Giornata del 9 marzo 2017 sarà ricordata per un gesto che merita attenzione. Presso la Fonderia Marinelli si è tenuta la cerimonia di fusione di una campana per il borgo di Casali di Sopra di Amatrice in devozione alla Santa Maria Monticilli. Presenti i promotori dell’iniziativa, l’amatriciano Federico Pietrangeli, don Luigi Russo, parroco di Sant’Agapito, che ha presieduto la cerimonia religiosa, amici dal Friuli Venezia Giulia. Mai superfluo ricordare la famiglia Marinelli che ha sostenuto l’iniziativa offrendo in dono la campana e favorendo così una raccolta fondi per la realizzazione di una chiesa in onore della Santa. “Quando si dice che il Molise non esiste forse lo si riferisce ad una classe politica disattenta e poco incline a fare rete”, commenta ironico Maurizio Varriano dei Borghi d’Eccellenza. L’iniziativa ha ottenuto il plauso della presidenza del Consiglio e del sindaco Sergio Pirozzi, che ha confermato la vicinanza da ogni e dove alle popolazioni colpite da un sisma devastante. Un plauso all’amatriciano Federico Pietrangeli che ha voluto e sostenuto fortemente una iniziativa nobile e di grande impatto emotivo. “Una campana che simboleggia la rinascita di un piccolo lembo di Italia nascosta e che non ha mai smesso di essere presente nel panorama della vita civile e religiosa di un Mondo pieno di solidale manifestazione d’affetto”: queste le parole di Armando Marinelli e dei presenti alla cerimonia. “Il Molise non dimentica di essere una regione , anche in sofferenza costante per ogni tipo di difficoltà – afferma Varriano, – che ha difeso e difende la sua identità, anche in virtù delle grandi ed inspiegate indifferenze, le grandi prese di posizioni negative di una piccola regione che nel panorama politico nazionale ed internazionale conta meno dello zero e di cui minano giornalmente l’esistenza in vita. Non dimentica cosa è la sofferenza, né che soffrire insieme, soprattutto per una rinascita almeno di carattere culturale, allevia sicuramente la pena e determina attenzione con quel suono simbolico di una campana che dona, ed è, la vita quotidiana”.

Appello per tre cuccioli abbandonati in strada: ‘Aiutiamoli o saranno portati al canile’. La segnalazione di una lettrice

Appello per tre cuccioli di cane che sono stati abbandonati in strada a Villacanale, frazione di Agnone. Si tratta di tre femminucce di due mesi, al momento detenute in uno stallo. L’appello arriva da una lettrice, che nei giorni scorsi ha attivato una segnalazione anche attraverso i social network. “Hanno bisogno di tutti noi altrimenti verranno portate al canile mercoledì”, la richiesta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Serie D. Vittoria in extremis del Campobasso sul San Marino. Agnonese, solo un pari con l’Alfonsine

Serie D girone F giornata 26 – 5/3/2017

Risultati definitivi (inizio ore 14.30)

Agnonese – Alfonsine 1-1
Campobasso – San Marino 1-0 (Loperfido 93′)
Sammaurese – San Nicolò 0-1
Recanatese – Fermana 0-1
Jesina – Castelfidardo 1-0
Romagna C. – Civitanovese 2-0
Matelica – Monticelli 2-0
Pineto – Vastese 2-1
Riposa: Vis Pesaro

Guarda la classifica qui.

Lutto nel mondo della politica, morto a 70 anni l’ex sindaco di Agnone Michele Carosella. Messaggi di cordoglio da amici e colleghi amministratori

Lutto nel mondo della politica molisana: Michele Carosella, ex sindaco di Agnone e consigliere di minoranza nell’attuale legislatura, è morto questa mattina all’alba a seguito di un arresto cardiocircolatorio. Inutili i soccorsi dei medici del 118 all’arrivo nell’abitazione dell’amministratore, allertati dopo che Carosella aveva accusato il malore. Una notizia che in poche ora ha fatto il giro del paese e che ha lasciato un dolore profondo in tutta la comunità. L’ex sindaco, che aveva 70 anni, già lo scorso ottobre rimase vittima di un infarto ma in quell’occasione il personale sanitario riuscì ad intervenire in tempo e salvarlo. A distanza di oltre quattro mesi la vita gli ha chiesto il conto con un destino che pareva segnato. Tanti i messaggi di cordoglio in queste ore da parte di cittadini, amici, mondo della politica. “La morte di Michele Carosella ci addolora profondamente”, le parole del governatore Frattura. “Ai suoi familiari le più sentite condoglianze. Se n’è andato un uomo intelligente, di un’eleganza di altri tempi. Se n’è andato un amico con il quale abbiamo avuto la fortuna e l’onore di condividere un progetto politico e amministrativo. Amava il Molise e soprattutto Agnone: lo esprimeva con generosità nelle scelte, nelle battaglie condotte per i diritti dei più deboli, nell’attaccamento alla sua città e anche in quel continuo ricorso arguto alla nostra lingua di molisani, così ben calibrato in un uomo di grande acume e cultura. Ci ha dato tanto, Michele Carosella, come persona e come sindaco. Porterò nel cuore le sue “4 P” che ha voluto regalarmi perché riuscissi al meglio nel mio ruolo in Regione: Programmazione, Perseveranza, Passione e Pazzia. Ci mancherai, Michele!”. “La città di Agnone e l’Alto Molise hanno perso un importante punto di riferimento democratico e un uomo di grandi valori”, il messaggio dell’onorevole Laura Venittelli. “La notizia della scomparsa di Michelino Carosella vela di tristezza questa giornata, poiché la sua etica e la grande umanità gli era riconosciuta da tutti. Non ti dimenticheremo”.  “L’improvvisa scomparsa di Michele Carosella lascia un vuoto incolmabile nella sua famiglia, e priva il Molise e la comunità di Agnone di una figura esemplare”, afferma il consigliere Michele Petraroia. “In occasione della sua elezione a Sindaco, lo raggiunsi ad Agnone ed insieme ai cittadini che lo avevano sostenuto sfilammo con le nostre bandiere alzate fino al monumento di Libero Serafini, ma nemmeno in quella straordinaria circostanza perse il suo profilo composto, sobrio ed essenziale. Un uomo di cultura, appassionato e sensibile, che al Teatro Italo–Argentino il 14 dicembre 2015 seppe porre con efficacia le questioni più importanti della sua città e delle Aree Interne Appenniniche, al Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, senza alcuna riserva di merito e di metodo ma con lealtà e rigore. Custodirò il suo esempio e non dimenticherò la sua illuminante ricostruzione sui fatti del 1799 che determinarono l’assassinio di una delle più belle figure molisane di ogni epoca, quel Libero Serafini che non va confuso con parte della borghesia oscillante del suo tempo e dei periodi storici successivi, pronta a correre sempre in soccorso del vincitore. Anche da questo aneddoto emerge il suo pensiero socialista mai abbandonato e di cui gli va reso merito per coerenza e perseveranza”. “Il “Sindaco Analogico”, così ci divertivamo a chiamarti io e Paolo Frattura”, le parole di Luca Iosue, responsabile organizzazione del Pd Molise. “Sempre pronto a prendere appunti con l’agenda in mano e a confrontarti con tutti. Con te non se ne va solo un pezzo di storia politica del Molise, ma va via un modo d’essere di cui si sente tanto la mancanza in questa società malata che spesso persegue l’interesse personale, sacrificando il Bene Comune. La tua integrità morale è un esempio per la nostra comunità. Ho avuto il privilegio di consolidare con te un rapporto d’affetto mai banale e sempre schietto. La sola tua amicizia basterebbe a ripagare il mio impegno nella nostra comunità politica. Ora ci lasci l’onere e l’onore di trasmettere i tuoi insegnamenti alla nostra gente, con rigore morale, ma sempre con il sorriso, come ci hai insegnato tu. Non sarà facile, ma ti prometto che ci proveremo. Un abbraccio alla cara Maria Libera e ai tuo nipoti, che ti hanno tanto amato.  Ciao Sindaco”.

(foto ecoaltomolise.net)

Serie D. Molisane sconfitte in trasferta: Agnonese rimontata in casa della Fermana, Campobasso battuto a Teramo dal San Nicolò

Serie D girone F giornata 25 _ 26/2/2017

Risultati definitivi (inizio ore 14.30)

Fermana – Agnonese 2-1
San Nicolò – Campobasso 2-0
Civitanovese – Recanatese 1-1
Jesina – Sammaurese 1-0
Castelfidardo – Romagna C. 0-1
San Marino – Matelica 2-0
Alfonsine – Pineto 1-2
Vastese – Vis Pesaro 3-0
Riposa: Monticelli

Guarda la classifica qui.

Sfruttamento della prostituzione, arrestate dai Carabinieri di Pescara due giovani donne molisane. Dietro il centro massaggi si nascondeva una casa d’appuntamenti


Una casa di appuntamenti per l’esercizio della prostituzione, questa mattina una coppia è stata arrestata dai carabinieri della Compagnia di Montesilvano su ordine firmato dalla Procura della Repubblica di Pescara. Agli arresti sono finiti S.C.25 anni, e M. D. Q. di 37, entrambi di Agnone (Isernia), ritenute responsabili di gestire a Montesilvano il centro di massaggi orientali e tantra “Hanima”, dove in realtà i massaggi erano vere e proprie pratiche sessuali per le cui prestazioni si pagavano dalle 80 alle 150 euro. Le indagini sono partite dalle segnalazioni di alcuni cittadini tra ottobre e novembre scorso, e sono state coordinate dal sostituto procuratore Gennaro Varone. Si sono sviluppate a seguito di serrata attività informativa, servizi di osservazione e pedinamento dei clienti, intercettazioni delle utenze del centro e dei destinatari del provvedimento cautelare, e in ultimo sulle dichiarazioni dei clienti ascoltati dai militari. Tutte le intercettazioni hanno consentito di accertare i ruoli rivestiti dalla coppia e, per essi, quelli gestionali con introiti dei profitti, nonche la consapevolezza  da parte degli interlocutori, poiché sempre dichiarate apertamente, che alla pratica del Tantra corrispondevano, in realtà, sedute di masturbazione ai clienti che frequentavano il centro solo per questo motivo. Già nel corso della telefonata di prenotazione chiari erano i riferimenti alle pratiche sessuali; la telefonista esplicitava che il massaggio poteva prevedere la pratica del turnover, consistita nella possibilità da parte del cliente di masturbare a sua volta la massaggiatrice, o il cosiddetto “quattro mani” che prevedeva l’impiego di due operatrici per lo stesso cliente. Tutte le prestazioni già in sede di prenotazione telefonica prevedevano la possibilità, a richiesta del cliente e senza sovrapprezzo, di fare la doccia al termine della prestazione con l’operatrice. E’ emerso che il business era estremamente proficuo, anche per essere completamente al nero.  Il centro Hanima  non è censito presso la Camera di commercio e l’ufficio commercio comunale. Non sono state reperite perché non esistono certificato di inizio attività, né alcun tipo di documentazione amministrativo contabile. Nella palazzina non vi è alcuna pubblicità esterna ed è emerso che i clienti contattavano il centro tramite un’utenza cellulare registrata su Web  alla voce “centro massaggi a Montesilvano”. Solo sul campanello del citofono compariva la denominazione “Hanima Asd”. Tutti i clienti escussi hanno fatto chiarezza su quanto veniva in concreto pratico all’interno del centro. Dal tenore del captato si evince che i promotori e gli organizzatori dell’attività di prostituzione sono i destinatari del provvedimento cautelare. Per la causa  si avvalevano di circa cinque donne, definite operatrici che prestavano le loro opere sempre completamente nude, tutte italiane di età compresa fra i 20 e i 45 anni. A seconda della prestazione, della durata media di 60 minuti, il prezzo poteva variare fra gli 80 e i 150 euro. Alle “massaggiatrici”, secondo l’accusa, Castagnelli e Delli Quadri corrispondevano circa un terzo del prezzo pagato dal cliente.(Fonte Ilcentro.it).