Ci siamo trasferiti su molisetabloid.com

Gentili utenti,
Molise Tabloid si rinnova. Da lunedì 27 marzo 2017 una nuova piattaforma ospita la nostra testata, presentando solo parzialmente una grafica diversa rispetto a quella precedente. Due gli obiettivi di questa scelta, divenuta ormai necessaria: arginare una serie di problematiche che non hanno garantito il corretto funzionamento del sito nelle ultime settimane (e per tale motivo ci scusiamo con voi); adeguare la piattaforma a nuove esigenze, fra cui ad esempio la progettazione di una versione ‘mobile’ adatta a dispositivi come gli smartphone. Per accedere a Molise Tabloid, cambierà poco o nulla. Nei prossimi giorni, collegandovi a www.molisetabloid.it verrete automaticamente reindirizzati a www.molisetabloid.com (servizio garantito entro le 48 ore successive alla messa online della nuova piattaforma) oppure, se preferite, potrete digitare direttamente l’indirizzo web www.molisetabloid.com. Sui social network, invece, compariranno direttamente i link del nuovo sito. L’attuale piattaforma (molisetabloid.altervista.org) sopravviverà come archivio storico, accessibile sul nuovo sito attraverso un banner laterale apposito. Scusandoci per il disagio e ringraziandovi per la vostra fedeltà, vi invitiamo a continuare a seguirci ed eventualmente a segnalarci suggerimenti circa la nuova grafica.

Immigrati, l’accoglienza e il ‘ricatto’ ai sindaci. Maio: ‘O presentiamo un progetto o rischiamo flussi imposti e fuori controllo’. Nessun comune sarà più esente

Solo una trentina di comuni della provincia di Campobasso su 84 ospitano in apposite strutture gli immigrati sbarcati dal Mediterrano ma ben presto ognuno sarà, per così dire, “costretto” all’accoglienza. Il Ministero dell’Interno infatti sta sollecitando le Prefetture a verificare la disponibilità delle amministrazioni,  affinché queste ultime e le comunità rappresentate non si facciano trovare impreparate. Ecco perché il 2 febbraio diversi sindaci hanno avuto un incontro al Palazzo del Governo di Campobasso. Obiettivo: offrire la possibilità di attivare un progetto Sprar, anticipando una eventuale e futura imposizione, con flussi non controllati. Fra i partecipanti c’era anche il sindaco di Baranello Marco Maio, che come molti suoi colleghi ha organizzato nei giorni scorsi incontri pubblici con la cittadinanza per fare il punto della situazione. “Visto quello che accadrà nei prossimi mesi, è giusto che la popolazione vada informata e si opti per la soluzione più possibile condivisa”, ci ha riferito Maio al telefono. “L’ingresso di un gruppo di persone di diversa cultura e tradizione, vuoi o non vuoi, rompe in qualche modo l’equilibrio di una comunità. Ma i miei compaesani si sono mostrati disponibili, favorevoli ad un progetto che possa comunque contingentare i numeri dell’accoglienza”. La cosa da fare, ha spiegato il sindaco, sarà trovare strutture idonee ad ospitare gli immigrati, anche appartamenti sfitti andranno bene. Due le scadenze per la presentazione di un progetto proprio: al 31 marzo e al 30 settembre. I Comuni che andranno fuori da questi termini o rinunceranno a presentare un piano, saranno oggetto di bandi provinciali per l’aggiudicazione a privati quali soggetti ospitanti. Le nuove disposizioni rientrano in una strategia di intervento che mira ad una più equa distribuzione dei migranti. “Venerdì abbiamo un nuovo incontro in Prefettura. Dobbiamo adeguarci, perché a mio avviso questa situazione andrà avanti almeno per i prossimi dieci anni”, ha concluso Maio.

Violenza sulle donne, cresce Liberaluna: associazione ammessa al finanziamento del Dipartimento Pari Opportunità. Promosso incontro su illustrazione progetto

<<Senza fretta, senza sosta>>, è questo forse l’aforisma che più rappresenta il percorso fatto da Liberaluna Onlus. L’ associazione, impegnata a contrastare il fenomeno della violenza attraverso il centro antiviolenza e a prevenirla attraverso incontri di sensibilizzazione sul territorio molisano, ha raggiunto un importante traguardo risultando ammessa al finanziamento predisposto dal bando del Dipartimento delle Pari Opportunità. Il giorno 19 dicembre, alle ore 10:00, presso la sala consiliare del Comune di Baranello, si terrà una conferenza stampa che avrà ad oggetto la descrizione delle attività in programmazione del progetto “In rete contro la violenza sulle donne”, ammesso al finanziamento del bando nazionale indetto dal D.P.O. per il “potenziamento dei centri antiviolenza e dei servizi di assistenza alle donne vittime di violenza e ai loro figli e per il rafforzamento della rete dei servizi territoriali”. Capofila del progetto è il Comune di Baranello, in ATS con Liberaluna Onlus ed il Comune di San Giuliano del Sannio. Tra gli aderenti si annoverano i seguenti soggetti istituzionali: la Consigliera di Parità della Regione Molise Giuditta Lembo, Ambito Territoriale Sociale di Campobasso, Comune di Tavenna, Cooperativa Laboratorio Aperto, Associazione Italiana Persone Down sez. Campobasso, Comitato Telefono Azzurro di Campobasso, Comitato Unicef del Molise, Associazione Cittadinanza Attiva sez. di Campobasso, Associazione Amici del 112, Associazione INCAS, Associazione FACED, Dinamica società sportiva dilettantistica (che si occuperà di incontri di autodifesa). Come dimostrano i dati Istat, il fenomeno della violenza sulle donne è diventato un’ emergenza sociale. È fondamentale, quindi, creare una rete di interventi che possano ampliare gli aiuti alle donne.

Sistema badge ‘hackerato’, il giudice: uno dei due dipendenti assenteisti può tornare a lavoro. Ma per l’Asrem resta sospeso

Ore 12.15. Il Tribunale della Libertà di Campobasso ha annullato la misura interdittiva della sospensione dal lavoro per sei mesi, senza percepimento dello stipendio, a uno dei due dipendenti Asrem arrestati a fine ottobre dai Carabinieri con le accuse di tuffa aggravata e accesso abusivo a sistema informatico: si tratta del 64enne di Cantalupo nel Sannio, finito inizialmente ai domiciliari insieme al collega, 62enne di Baranello, per i  quali il gip Cardona Albini, in riforma dell’iniziale misura cautelare, aveva disposto la remissione in libertà con sospensione dal lavoro. Il collegio, accogliendo la richiesta dell’avvocato Silvio Tolesino, ha probabilmente ritenuto meno grave la posizione addebitata. In attesa di decisione la posizione dell’altro indagato. Tuttavia il 64enne resta sospeso in quanto l’Asrem ha aperto un procedimento disciplinare parallelo in conformità della nuova legge sulla Pubblica Amministrazione e quindi dovrà attendere la decisione dell’azienda sanitaria, che probabilmente si conoscerà a giorni. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, i due dipendenti Asrem, in servizio all’ospedale Cardarelli nell’ambito amministrativo, sarebbero riusciti a manomettere il sistema dei badge che registra le presenze attraverso il rilevamento di entrate e uscite. In una serie di appostamenti i militari avrebbero verificato in più occasioni come i due in alcuni giorni si trovassero altrove nonostante il sistema informatico li rilevasse regolarmente al lavoro. Ad entrambi sono constate somme, quale danno arrecato alle casse dello Stato, per quasi 100mila euro.

Dipendenti Asrem arrestati, contestati quasi 100mila euro di danni. Militari sequestrano computer e altro materiale

Ore 13. Sorpresi a svolgere commesse personali mentre, secondo il sistema informatico aziendale, avrebbero dovuto trovarsi sul posto di lavoro. I due dipendenti Asrem arrestati in flagranza ieri pomeriggio dai Carabinieri di Campobasso con le ipotesi di reato di truffa aggravata e frode informatica e attualmente ai domiciliari in attesa dell’udienza di convalida – che verrà fissata nelle prossime ore, – sono prossimi alla pensione ma ora si trovano a fare i conti con una ‘bella’ gatta da pelare. I militari, nella ricostruzione di tutti i presunti episodi di assenteismo e delle altre contestazioni mosse in quasi tre anni di indagini, avrebbero quantificato il danno arrecato all’Asrem che corrisponderebbe a quasi 100mila euro complessivi, somma in sostanza che i due indagati sarebbero chiamati a restituire se i fatti venissero accertati, oltre alle altre eventuali conseguenze dal punto di vista penale e disciplinare. Come scritto ieri, i due – di Baranello e Cantalupo nel Sannio, – in servizio all’ospedale Cardarelli nell’ambito amministrativo, sarebbero riusciti a manomettere il sistema dei badge che registra le presenze dei dipendenti attraverso il rilevamento di entrate e uscite. Gli inquirenti, forse a seguito di una segnalazione, hanno avviato una serie di appostamenti, verificando in più occasioni la discordanza fra ciò che risultava dal sistema informatico e l’assenza dei due dipendenti. E stando alle prime informazioni, gli indagati avrebbero trovato il modo per raggirare il sistema stesso tramite il canale informatico. I militari, infatti, hanno proceduto a sequestrare computer e altro materiale che entrambi avrebbero potuto utilizzare ai fini delle ipotesi di reato contestate.

(foto archivio)

Associazione InForesta, torna il laboratorio teatrale a Baranello

Torna anche quest’anno il Laboratorio Teatrale a Baranello organizzato dall’Associazione Culturale InForesta! Dopo il grande successo dei primi due cicli, ci si prepara a un nuovo intenso anno di lezioni e divertimento che culminerà in uno spettacolo finale tutto da ridere. Il 24 giugno scorso è andato in scena “Se son corna…fioriranno!”, commedia in atto unico scritta e diretta da Alessandra Di Iorio: la seconda produzione della Compagnia “Teatranti Instabili” di Baranello accolta e applaudita da un pubblico di quasi 1000 persone nella nuova Piazza Marconi del paese, e replicato il 4 agosto durante le festività della Contrada Cappella. Il laboratorio è partito nel 2014 con un gruppo composto interamente da dilettanti che hanno messo a disposizione voglia di fare e competenze, diventando uniti e solidali ed allo stesso tempo accogliendo nuovi partecipanti e nuove sfide… finora tutte egregiamente vinte! La classe dei bambini (6-12 anni) ha dato pure grandi soddisfazioni quest’anno, mettendo in scena come saggio finale uno spettacolino interamente scritto e rappresentato da loro, e realizzando oggetti di scena e costumi interamente a mano attraverso le tecniche del riciclo creativo. I laboratori sono gestiti e coordinati dalla regista e attrice Alessandra Di Iorio per l’Ass. Culturale InForesta, con la preziosa collaborazione del Comune di Baranello, e quest’anno riaprono le porte ad amici vecchi e nuovi promuovendo la campagna di tesseramento dei nuovi soci 2016/17 che darà accesso ai laboratori teatrali per bambini e adulti ma anche a tutte le iniziative organizzate da Inforesta per l’anno che sta per iniziare. Mercoledì 21 settembre alle ore 19.00 si terrà un incontro informativo presso la sala consiliare del Comune di Baranello in cui sarà presentata l’Associazione, i nuovi corsi per adulti e bambini, le insegnanti, e la gestione delle attività da ottobre a giugno 2016. I laboratori avranno inizio mercoledì 5 ottobre ore 17.30-19.30 per i bambini, e giovedì 6 ottobre ore 19.00-21.00 per gli adulti.

Amministrative 2016. Lo spoglio in diretta e gli eletti sindaci comune per comune nella provincia di Campobasso. Affluenza: 61,30%

Sono 15 i comuni in provincia di Campobasso in cui nella giornata di domenica 5 giugno si è votato per eleggere gli amministratori cittadini. Di seguito i sindaci eletti secondo il risultato delle urne. (dati in aggiornamento)

 

Bojano – Eletto sindaco MARCO DI BIASE

DARIO PATULLO – Movimento 5 Stelle 7,85%
MARCO DI BIASE – Bojano Futura 36,73%
MASSIMO ROMANO – Bojano Domani 30,11%
GAETANO POLICELLA -Bojano Unita 17,12%
ALFONSO MAINELLI – Area Matese 8,16%

Eletto sindaco Marco Di Biase
(guarda i risultati qui)

 

Baranello

Eletto sindaco Marco Maio
(guarda i risultati qui)

 

Campochiaro

Eletto sindaco Antonio Carlone
(guarda i risultati qui)

 

Civitacampomarano

Eletto sindaco Paolo Manuele
(guarda i risultati qui)

 

Guardiaregia

Eletto sindaco Fabio Iuliano
(guarda i risultati qui)

 

Macchia Valfortore

Eletto sindaco Antonio Carozza
(guarda i risultati qui)

 

Matrice

Eletto sindaco Arcangelo Lariccia
(guarda i risultati qui)

 

Molise

Eletto sindaco Domenico Cirelli
(guarda i risultati qui)

 

Morrone

Eletto sindaco Domenico Antonio Colasurdo
(guarda i risultati qui)

 

Portocannone

Eletto sindaco Giuseppe Caporicci
(guarda i risultati qui)

 

San Biase

Eletto sindaco Isabella Di Florio
(guarda i risultati qui)

 

San Giacomo degli Schiavoni

Eletto sindaco Costanzo Della Porta
(guarda i risultati qui)

 

San Massimo

Eletto sindaco Alfonso Leggieri
(guarda i risultati qui)

 

Sepino

Eletto sindaco Paolo Pasquale D’Anello
(guarda i risultati qui)

 

Ururi

Eletto sindaco Raffaele Primiani
(guarda i risultati qui)

 

 

Ancora un incidente nei campi, uomo schiacciato dal suo trattore. Muore Pasquale Barone, di anni 66

Ore 19. Ancora un incidente nei campi si è verificato questo pomeriggio intorno alle 18 nel territorio in agro fra i comuni di Vinchiaturo e Baranello, a due giorni dalla tragedia che si è consumata a Termoli, dove ha perso la vita un 70enne schiacciato dal trattore. Un uomo di 66 anni che stava conducendo un mezzo agricolo è stato travolto dalla stessa macchina dopo che questa si è ribaltata, probabilmente a causa di un rialzamento, e il conducente è stato sbalzato dalla sua postazione. Immediata la segnalazione al 118 da parte di familiari e vicini. I sanitari giunti sul posto, col supporto dei Vigili del Fuoco, hanno prelevato l’uomo in gravi condizioni e lo hanno trasportato al Pronto Soccorso dell’ospedale Cardarelli.

Aggiornamento Ore 20,45 – Non ce la fatta l’agricoltore di Vinchiaturo rimasto coinvolto nell’ incidente di questo pomeriggio in contrada Vicenne. Le ferite riportate sono state fatali. L’uomo Barone Pasquale di 66 anni e’ deceduto intorno alle 20 al Cardarelli.

(foto archivio)

Amministrative 2016. Baranello, liste e candidati

A Baranello due i candidati sindaci:

 

MARCO MAIO – Insieme per Baranello

Domenico Boccia
Franco Carnevale
Emanuele Di Chiro
Mario Liberato Di Chiro
Mario Basilio Crisci
Manuela Ferrante
Loredana Messano
Amelia Pistillo
Emiliano Di Niro
Mariadomenica Lombardi

 

RICCARDO DI CHIRO – Obiettivo Baranello

Giovanni Petrecca
Giorgia Giovannitti
Gianluca Cutillo
Sonia Chiarullo
Rita Di Chiro
Daniela Cianciullo
Angela Camardo
Tonino Colamaio
Paolo Discenza
Anna Manocchio

Amministrative 2016 in Molise – I comuni al voto: liste e candidati

COMUNI AL VOTO IN PROVINCIA DI CAMPOBASSO

baranello stemma

Baranello

bojano stemma

Bojano

campochiaro stemma

Campochiaro

Civitacampomarano-Stemma

Civitacampomarano

guardiaregia stemma

Guardiaregia

matrice stemma

Matrice

molise stemma comune

Molise

morrone del sannio stemma

Morrone

portocannone stemma

Portocannone

San Biase stemma

San Biase

san massimo stemma

S. Massimo

sepino stemma

Sepino

ururi stemma

Ururi

macchiavalfortore stemma

Macchia Valfortore

san giacomo degli schiavoni stemma

S. Giacomo degli schiavoni

speciale amministrative 2016

[banner size=”468X60″]

COMUNI AL VOTO IN PROVINCIA DI ISERNIA

stemma-di-Agnone

Agnone

cantalupo stemma

Cantalupo

capracotta stemma

Capracotta

carpinone-stemma

Carpinone

chiauci stemma

Chiauci

stemma isernia

Isernia

conca casale stemma

Conca Casale

pesche stemma

Pesche

pescolanciano stemma

Pescolanciano

pizzone stemma

Pizzone

stemma-forli-del-sannio

Forlì

stemma-roccamandolfi

Roccamandolfi

Acquaviva_d'Isernia-Stemma

Acquaviva d’Isernia

colli a volturno stemma

Colli a Volturno

bagnoli del trigno stemma

Bagnoli del Trigno

Castel_San_Vincenzo-Stemma

Castel S. Vincenzo

comune di san pietro avellana

S. Pietro Avellana

stemma-santa-maria-del-molise

S. Maria del Molise