Ci siamo trasferiti su molisetabloid.com

Gentili utenti,
Molise Tabloid si rinnova. Da lunedì 27 marzo 2017 una nuova piattaforma ospita la nostra testata, presentando solo parzialmente una grafica diversa rispetto a quella precedente. Due gli obiettivi di questa scelta, divenuta ormai necessaria: arginare una serie di problematiche che non hanno garantito il corretto funzionamento del sito nelle ultime settimane (e per tale motivo ci scusiamo con voi); adeguare la piattaforma a nuove esigenze, fra cui ad esempio la progettazione di una versione ‘mobile’ adatta a dispositivi come gli smartphone. Per accedere a Molise Tabloid, cambierà poco o nulla. Nei prossimi giorni, collegandovi a www.molisetabloid.it verrete automaticamente reindirizzati a www.molisetabloid.com (servizio garantito entro le 48 ore successive alla messa online della nuova piattaforma) oppure, se preferite, potrete digitare direttamente l’indirizzo web www.molisetabloid.com. Sui social network, invece, compariranno direttamente i link del nuovo sito. L’attuale piattaforma (molisetabloid.altervista.org) sopravviverà come archivio storico, accessibile sul nuovo sito attraverso un banner laterale apposito. Scusandoci per il disagio e ringraziandovi per la vostra fedeltà, vi invitiamo a continuare a seguirci ed eventualmente a segnalarci suggerimenti circa la nuova grafica.

Furto sacrilego nella chiesa di Santa Reparata, identificato attraverso il DNA il ladro che rubò la corona dalla reliquia. Denunciato dai Carabinieri

E’ trascorso esattamente un anno da quando ignoti ladri, privi di qualsiasi scrupolo, dopo aver forzato una porta d’ingresso laterale della Chiesa di Santa Reparata sita in Monacilioni (CB), si erano introdotti al suo interno profanando e saccheggiando la teca dove era riposta la reliquia di Santa Benedetta e da dove avevano asportato una corona in argento placcata in oro, ingenerando preoccupazione e sdegno da parte di tutta la comunità parrocchiana e dei cittadini.

Ma le indagini avviate a 360 gradi fin da subito dai Carabinieri del NORM – Aliquota Operativa della Compagnia di Campobasso, giunte a conclusione, hanno finalmente permesso di individuare il responsabile.

In tutto questo tempo, gli investigatori hanno ascoltato persone, controllato eventuali telecamere e monitorato alcuni sospettati al fine di acquisire elementi utili al rintraccio dei responsabili, effettuando, al contempo, più sopralluoghi presso la Chiesa in argomento, al fine di riscontrare tracce o impronte lasciate dagli autori del gesto criminoso. E proprio dal sopralluogo effettuato sulla porta forzata, i militari dell’Aliquota Operativa hanno trovato una traccia ematica lasciata lì dal ladro che nello scassinare la serratura, si era tagliato perdendo del sangue.

La goccia di sangue, opportunamente repertata, è stata quindi inviata dagli operanti al laboratorio del Reparto Investigazioni Scientifiche di Roma dove, dopo un delicato processo di estrapolazione del DNA, quest’ultimo è stato comparato con altri profili genetici già memorizzati nella Banca Dati Nazionale, fornendo un riscontro positivo sul conto di un ventiduenne di Foggia già conosciuto all’Arma per numerosi precedenti specifici per furto.

A seguito delle risultanze emerse, i militari di Campobasso hanno avviato specifiche indagini per rintracciare il sospettato e risalire alla sua dimora e, dopo averlo individuato, hanno effettuato delle perquisizioni presso la sua abitazione di Foggia alla ricerca della corona in questione senza però trovarne ormai traccia.

L’indagato, al quale è stato anche notificato l’avviso di conclusione delle indagini emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Campobasso, si è avvalso della facoltà di non rispondere e di non rendere interrogatorio, senza quindi neanche tentare di giustificare l’eventuale sua presenza la notte del furto a Monacilioni.

Non si fermano le indagini da parte dei Carabinieri che continuano ad investigare per accertare la presenza di eventuali complici e cercare di rintracciare la corona asportata che, al di là del suo valore materiale, rappresenta un elevato valore affettivo e devoto per tanti cittadini.

 

ACCADDE OGGI. 5/11/2013: Incidente mortale sulla Fondovalle del Tappino, 29enne perde la vita

Matteo Cutaio, 29 anni

Di seguito l’articolo pubblicato su Molisetabloid.it in data 5/11/2013:

Ore 16.00: Incidente mortale lungo la Fondovalle del Tappino, all’altezza del bivio per Monacilioni. Violento impatto frontale tra un’auto, una Fiat Punto bianca guidata da un 29enne di Casalvecchio di Puglia (in provincia di Foggia) ed un camion.
Dalle prime risultanze sembrerebbe che il giovane (Matteo Cutaio il suo nome) che viaggiava verso Campobasso, nelle solite curve già note dalla cronaca abbia perso il controllo del veicolo (a causa forse dell’asfalto reso viscido dalla pioggia) impattando sul camion che marciava nel senso opposto. Dopo l’urto l’auto ha continuato la propria corsa andando più volte in testa coda prima di schiantarsi contro il guardrail. La Fiat Punto del giovane è irriconoscibile.
Sul posto i Carabinieri, i Vigili del Fuoco (che hanno estratto il corpo dalle lamiere accartocciate) ed il 118 che non ha potuto fare altro che constatare in decesso del giovane. Il caso è vaglio degli inquirenti.
La giovane vittima era molto conosciuta a Campobasso in quanto lavorava come barman presso il noto locale Cafè Prestige. Matteo Cutaio, laureato all’Università del Molise, era appena rientrato da una vacanza all’estero e proprio oggi tornava a Campobasso dopo essere stato qualche giorno in Puglia nel suo paese Natale.
(foto archivio)

Teatro dei Piedi. Monsieur David e la chiesa di Santa Maria della Strada incantano migliaia di spettatori in una serata magica

Santa Maria della Strada, un posto incantato, una chiesa che sottolinea l’importanza di una terra assai  lontana dai ritmi della “ modernità “, un privilegio per pochi ma, che il 30 luglio ha vissuto una sorta di rivincita. Quasi mille persone hanno calcato il prato dell’area circostante alla Chiesa, una delle Chiese più belle d’Italia, per vivere insieme a Monsieur David, ed il suo teatro con i piedi, una serata che, definire “ Magica “, davvero sarebbe riduttivo. Una emozione che oltre ogni limite, ha gratificato l’organizzazione, con in testa la Proloco ed i pochi operatori economici del posto che, spinti dalla voglia di dare un esempio di buona pratica  , sotto la spinta de “ i Borghi d’Eccellenza “, hanno predisposto per le centinaia di persone, una serata che rimarrà per molto tempo, nelle menti e nei cuori dei partecipanti. Un carrellone agricolo come palco, imbandito con i fiori di un matrimonio appena celebrato, una scenografia naturale che ha pochi eguali, la passione per un territorio pieno di arte, di storia, si cultura e, di una bellezza mozzafiato e…………………la Magia è fatta !!! Monsieur David, che per l’occasione ha predisposto uno spettacolo di grande impatto emotivo, ispirato da tanta bellezza e semplicità, ha dato il meglio di sé, coinvolgendo e trasmettendo voglia di vivere e di grande partecipazione e, lanciando quelle note soavi fatte di siB, ha reso una serata speciale in una serata memorabile. Entusiasmo, gioia , partecipazione e, come ricordava Maurizio Varriano alla platea, essendo la giornata dell’Amore, tanta tanta emozione ed accomunanza per un progetto che vede sempre al centro di ogni cosa : IL MOLISE ! Il Sindaco, visibilmente soddisfatto si è reso partecipe di una promessa che più che essere tale è l’obiettivo di chi ama il proprio territorio e che della politica né fa vanto : Rivitalizzare Santa Maria della Strada con eventi di grande impatto culturale. Sappiamo che non è una promessa da politico ma da cittadino e, per questo lo ringraziamo senza sé e senza ma. Che dire, rimarrà il ricordo della serata ma, se si vuol sentire il profumo di una regione straordinaria, non resta che venirci a trovare e, vista la presenza del critico d’arte, nonché funzionario del Museo di Capodimonte, Maurizio Vitiello, di Federica Gumina, una delle più apprezzate danzatrici ed attrici italiane, di Marco Carlone, fotografo giornalista della rivista “ Trekking & Outdoor “ che nel numero di agosto parlerà proprio de Molise,  con Matrice, Jelsi, Frosolone, Agnone, San Massimo, del tratturo , del pane, questo ci conforta ed è certamente  un buon viatico ed una realtà inconfutabile : Il Molise a chi fa cultura e territorio, PIACE !!!

downloadfile-1

downloadfile-3

downloadfile

 

 

 

 

 

Auto contro tir sulla Fondovalle, migliorano le condizioni del 43enne: ‘Reagisce bene alle cure’

Ore 16.30. E’ ancora ricoverato all’ospedale Cardarelli di Campobasso il 43enne di Monacilioni rimasto coinvolto in un grave incidente lo scorso 29 marzo lungo la Fondovalle del Tappino, all’altezza del bivio per il paese. Il suo quadro clinico sarebbe però migliore rispetto alla sera in cui venne trasportato d’urgenza in ospedale a seguito dell’impatto fra l’Alfa Romeo 166 su cui era a bordo e un camion, riportando traumi alla testa e al torace e la frattura degli arti inferiori. A fornire notizie positive alla comunità sono peraltro alcune delle persone più vicine al 43enne, che hanno condiviso anche sui social network lo stato di salute del loro compaesano. “Sta reagendo bene alle cure, ogni giorno i suoi movimenti migliorano”, si legge su Facebook. “I medici sono fiduciosi e continueranno a diminuire le dosi di farmaci nei prossimi giorni. Continuiamo a sperare e pregare”.

Scontro frontale, resta grave il conducente dell’Alfa Romeo: il 43enne in coma farmacologico

2016-03-30 08.50.15Restano gravi le condizioni del 43enne, residente a Monacilioni, rimasto coinvolto nell’incidente di ieri sera sulla Statale 645 Fondovalle Tappino, all’altezza del bivio per il paese. L’Alfa Romeo 166 su cui era a bordo si è scontrata frontalmente con un camion che proveniva dalla direzione opposta intorno alle 21. L’uomo, trasportato d’urgenza all’ospedale Cardarelli, ha riportato diverse fratture in particolare alle gambe, trauma cranico e toracico, costringendo i medici ad un immediato intervento chirurgico e al successivo mantenimento del paziente in coma farmacologico. Sono ore di ansia per parenti e amici.

Ultim’ora. Incidente stradale sulla Fondovalle Tappino: auto contro camion, 43enne in gravi condizioni

Flash ore 21.30. Un grave incidente stradale si è verificato pochi minuti fa nei pressi del bivio di Monacilioni, sulla Fondovalle Tappino. Al momento non si conoscono particolari, ma sembra che una vettura si sia scontrata frontalmente con un mezzo pesante. Sul posto ambulanze e Vigili del Fuoco. Seguono aggiornamenti.

Ore 22.15. E’ stato trasportato d’urgenza all’ospedale Cardarelli di Campobasso il conducente di un’Alfa Romeo 166, un 43enne nativo di Campobasso anche se al momento non si sa se residente nel capoluogo o in un altro comune della provincia, che è andato a scontrarsi frontalmente con un camion che stava provenendo dalla direzione opposta sulla Strada Statale 645 Fondovalle Tappino, all’altezza del bivio per Monacilioni. Sembra che il mezzo pesante abbia invaso la corsia di sinistra e l’uomo al volante della vettura non avrebbe fatto in tempo a frenare, finendo contro la parte anteriore del tir, ma ovviamente la dinamica è al vaglio dei Carabinieri intervenuti sul posto per accertare il sinistro e coordinare il traffico. L’Alfa Romeo è andata completamente distrutta, i Vigili del Fuoco hanno dovuto lavorare diversi minuti per prelevare dalle lamiere il 43enne, che al momento del soccorso era vigile. I sanitari del 118 lo hanno trasportato d’urgenza in ospedale con un forte politrauma, le sue condizioni sarebbero gravi ma non il quadro clinico non è ancora chiaro. L’autista del camion invece non ha riportato conseguenze serie. Seguono aggiornamenti.

Scandalo in chiesa, profanati i resti della santa protettrice. Sconcerto fra la comunità, gli esperti: ‘Danni irreparabili’

Rammarico nella comunità di Monacilioni per un episodio che si è verificato durante le ore di buio all’interno della chiesa di Santa Reparata. I resti sacri di Santa Benedetta conservati in una teca dal 1752 sono stati profanati da ignoti, verosimilmente in un orario fra le 3 e le 5 di questa mattina. Dopo essere penetrati nella chiesa da una porta laterale forzata facilmente, hanno puntato la teca senza toccare, almeno all’apparenza, altri oggetti. Quale fosse la reale intenzione dei balordi non è ancora chiaro ed è oggetto delle indagini dei Carabinieri e della Curia, che questa mattina, su segnalazione del parroco don Mauro, ha inviato il cancelliere per coordinare la ricostituzione dei sigilli. Probabilmente gli autori del gesto erano alla ricerca di cimeli preziosi. Secondo gli esperti che hanno provveduto a ricomporre i resti della salma della santa protettrice i danni sarebbero irreparabili.  Dura la condanna della comunità, in molti sono accorsi sul posto dopo la notizia, alcuni particolarmente devoti hanno appreso in lacrime quello che era successo.

Foto di Davide Pastanella

Bianco risveglio per il Molise, le previsioni meteo: ‘Continuerà a nevicare’. Ecco le scuole chiuse domani

neve 2016 2 (4)Un bianco risveglio per il Molise quello di questa mattina, domenica 17 gennaio, dopo che per giorni gli esperti meteo avevano annunciato imminenti nevicate. Circa 20 centimetri hanno coperto Campobasso e dintorni, l’area matesina, della Valle del Tammaro, del Molise centrale, del Fortore, dell’isernino, dell’alto Molise e delle zone circostanti.
Mezzi spazzaneve e spargisale al lavoro per garantire la viabilità che ha subito lievi rallentamenti. Si raccomanda precauzione e molta attenzione alla guida.
Le previsioni meteo annunciano ulteriori nevicate almeno nelle prossime 24 ore con la coltre bianca che potrebbe arrivare anche a 50 centimetri. Dando uno sguardo alle temperature, nel campobassano il termometro segnerà tra i -1 e i -10 gradi. Più caldo nell’isernino dove la colonnina di mercurio oscilla tra i 2 e i -10 gradi. Leggere spolverate anche in basso Molise ma le temperature restano “alte”, tra i 3 e gli 8 gradi.
Intanto giungono le prime comunicazioni ufficiali da parte dei comuni che per la giornata di domani, lunedì 18 gennaio, hanno disposto la chiusura delle scuole. Di seguito l’elenco (in fase di aggiornamento):

Acquaviva Collecroce
Agnone
Bagnoli del Trigno
Baranello
Belmonte del Sannio
Bonefro
Busso (chiusura disposta anche per martedì 19 gennaio)
Carovilli
Campobasso
Campodipietra
Campolieto
Capracotta
Carovilli
Casacalenda
Castellino del Biferno
Castelmauro
Castropignano
Cercemaggiore
Cercepiccola
Civitanova del Sannio
Colletorto
Ferrazzano
Fossalto
Frosolone
Gambatesa
Gildone
Guardiaregia
Jelsi
Larino
Limosano
Macchiagodena
Macchia Valfortore
Mafalda (chiusura disposta anche per martedì 19 gennaio)
Matrice
Mirabello Sannitico
Miranda
Monacilioni
Montagano
Montecilfone
Montefalcone nel Sannio
Montenero di Bisaccia
Montorio nei Frentani
Morrone del Sannio
Oratino
Palata
Petrella Tifernina
Poggio Sannita
Riccia
Ripalimosani
Ripabottoni
Roccavivara
Rotello
Salcito
San Felice del Molise
San Giuliano del Sannio
San Giuliano di Puglia
Sant’Elia a Pianisi
Santa Croce di Magliano
Sepino
Spinete
Tavenna
Torella del Sannio
Toro
Trivento
Tufara
Ururi
Vastogirardi
Vinchiaturo

Sospese anche tutte le attività didattiche nelle sedi universitarie di Campobasso, Pesche e Termoli.
Le lezioni riprenderanno regolarmente il giorno martedì 19 gennaio, salvo eventuali ulteriori necessità in relazione alle condizioni climatiche. Sarà data tempestiva comunicazione, anche a seguito delle attività di verifica in merito ad eventuali danni subiti dagli edifici in relazione alle scosse sismiche registrate nei giorni scorsi. Sarà pertanto consentito l’accesso alle strutture dell’università (sedi di Campobasso, Pesche e Termoli) soltanto al personale docente e tecnico-amministrativo.

GALLERIA FOTOGRAFICA (La foto in evidenza in copertina è tratta da Facebook – Paolo D’Errico)

Due piccole scosse di terremoto ‘risvegliano’ il Molise. Epicentro vicino Campobasso

Due lievi scosse di terremoto (rispettivamente di magnitudo 2.1 e 2.0) hanno interessato questa mattina, 3 gennaio (alle ore 6.15 e 6.16) il Molise. I due tremori, sviluppatisi a 11 e 24 chilometri di profondità, vedono il proprio epicentro collocato nei pressi di Campobasso. Come segnala l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, i due piccoli fenomeni hanno interessato diversi comuni:

Oratino
Casalciprano
Busso
Castropignano
Baranello
Torella del Sannio
Sant’Elena Sannita
Spinete
Molise
Colle d’Anchise
Ripalimosani
Frosolone
Fossalto
Vinchiaturo
Fossalto
Ferrazzano
Pietracupa
Limosano
Duronia
Montagano
Mirabello Sannitico
Sant’Angelo Limosano
Macchiagodena
Matrice
Bojano
San Polo Matese
San Biase
Cantalupo nel Sannio
San Giuliano del Sannio
Campochiaro
Cantalupo nel Sannio
San Giovanni in Galdo
Campodipietra
Bagnoli del Trigno
San Massimo
Civitanova del Sannio
Campodipietra
Santa Maria del Molise
Petrella Tifernina
Cercepiccola
Guardiaregia
Gildone
Toro
Chiauci
Castelpetroso
Campolieto
Salcito
Cercemaggiore
Castellino del Biferno
Carpinone
Lucito
Sessano del Molise
Sepino