Ci siamo trasferiti su molisetabloid.com

Gentili utenti,
Molise Tabloid si rinnova. Da lunedì 27 marzo 2017 una nuova piattaforma ospita la nostra testata, presentando solo parzialmente una grafica diversa rispetto a quella precedente. Due gli obiettivi di questa scelta, divenuta ormai necessaria: arginare una serie di problematiche che non hanno garantito il corretto funzionamento del sito nelle ultime settimane (e per tale motivo ci scusiamo con voi); adeguare la piattaforma a nuove esigenze, fra cui ad esempio la progettazione di una versione ‘mobile’ adatta a dispositivi come gli smartphone. Per accedere a Molise Tabloid, cambierà poco o nulla. Nei prossimi giorni, collegandovi a www.molisetabloid.it verrete automaticamente reindirizzati a www.molisetabloid.com (servizio garantito entro le 48 ore successive alla messa online della nuova piattaforma) oppure, se preferite, potrete digitare direttamente l’indirizzo web www.molisetabloid.com. Sui social network, invece, compariranno direttamente i link del nuovo sito. L’attuale piattaforma (molisetabloid.altervista.org) sopravviverà come archivio storico, accessibile sul nuovo sito attraverso un banner laterale apposito. Scusandoci per il disagio e ringraziandovi per la vostra fedeltà, vi invitiamo a continuare a seguirci ed eventualmente a segnalarci suggerimenti circa la nuova grafica.

Dal Matese alle Dolomiti tra vari tour in Italia, Molise compreso. Il Vespa Club Maddaloni chiude un anno ricco di attività

calendario-vcmaddaloni-2017Dopo il pranzo sociale dello scorso 11 dicembre, i soci del Vespa Club Maddaloni sono tornati ad incontrarsi questa mattina, sabato 17 dicembre, per scambiarsi gli auguri di Natale insieme ad un gadget commemorativo delle attività svolte in questo 2016.
Insieme a delle sagome in alluminio della mitica motoretta, realizzate per l’occasione, il presidente Vincenzo D’Angelo – in presenza del presidente onorario, il novantaquattrenne Antonio Bernardo – ha consegnato ai soci del prestigioso club un calendario 2017 in cui abbondano le foto delle varie imprese portate a termine dagli impavidi vespisti. Un doveroso ricordo al tour del Matese che nel 2015 unì Campania e Molise in un circuito di oltre 250 chilometri al quale presero parte oltre 200 veicoli provenienti da tutt’Italia (e non solo), per poi annoverare la 500 km delle Dolomiti di quest’anno nella quale il club maddalonese ha portato a casa numerosi ed importati riconoscimenti. Presenti sul calendario anche momenti dell’appuntamento di Sappata, del viaggio a Taormina, del giro d’Italia, della tappa “Autismo in Vespa” di Maddaloni, del gemellaggio con il Vespa Club Capri, della gara di regolarità Sassari-Cagliari, del Raduno di Pozzuoli e di Saviano, dell’Explora Apulia, della tappa in Austria, del Vespa Day di San Salvatore Telesino, della gara Milano-Taranto e tanto altro ancora. Non sono escluse le giornate molisane trascorse in sella alla propria Vespa. Tra queste il VI raduno di Cercepiccola, ma la presenza del club di Maddaloni si annovera anche agli appuntamenti di Cercemaggiore, Gildone, Jelsi, Riccia, Frosolone, Pietrabbondante, Isernia, Venafro e nell’immediato circondario (tra cui Morcone e Circello).
pranzo-sociale-vcmaddaloni2016Dopo un brindisi e una fetta di pandoro, i vespisti hanno stilato un sommario calendario di iniziative per il prossimo anno. Tra gli eventi clou l’appuntamento austriaco di inizio giugno ed il raduno del registro storico che si svolgerà ad Ischia a fine settembre. Confermata la partecipazione anche a diversi appuntamenti molisani. Anche il 2017, dunque, per il Vespa Club Maddaloni si preannuncia già essere un anno a tutto gas!

IL VIDEO DEL PRANZO SOCIALE 2016

Evasione fiscale, ai Comuni ‘collaborativi’ resta fino al 100% delle somme recuperate. Ma in Molise aderiscono solo in sei

Sono solo sei i comuni molisani che hanno ottenuto il contributo spettante per la loro compartecipazione al contrasto all’evasione fiscale, nel corso del 2015, con l’effettiva riscossione di entrate erariali. Si tratta di Busso e Gildone ad ognuno dei quali sono arrivati 50 euro, il doppio a Duronia, 450 euro a Vinchiaturo e 650 a Petacciato; a Riccia sono spettati 1.550 euro e a Sepino 3.950. Solo ai Comuni che hanno aderito ai protocolli di intesa con l’Agenzia delle Entrate, propedeutici alla compartecipazione al contrasto all’evasione fiscale, spetta una quota (elevata dal 50% al 100% per gli anni dal 2015 al 2017) dei tributi statali derivanti dal contrasto all’evasione fiscale e contributiva. Complessivamente ai Comuni italiani per il 2015 sono stati distribuiti 17 milioni di euro, inferiori a quanto riscosso nel corso dell’anno precedente (21 milioni di euro). Per molte Amministrazioni locali si è trattato di poche decine di euro, ma ad alcuni Comuni di soldi ne sono stati trasferiti tanti: quasi 30.000 euro a Teramo, più di 52.000 a Pescara, per non andare troppo lontano dai nostri confini regionali. “Mi chiedo proprio perché i nostri Comuni, alle prese con bilanci esigui e con trasferimenti statali in costante diminuzione, non abbiano colto questa opportunità: per loro la partecipazione alle attività di accertamento erariale è e resta una evidente opportunità per avere risorse aggiuntive, oltre ad essere un’azione di grande civiltà. Molto meglio aiutare a stanare coloro che le tasse e i contributi non li pagano invece che spremere, con la tassazione locale e con gabelle e tributi vari, i tanti cittadini onesti che il loro dovere fiscale lo fanno fino in fondo.” Questo il forte richiamo di Tecla Boccardo, leader della UIL molisana, che fa notare: “Da noi il fenomeno dell’evasione fiscale e contributiva non è poi così marginale, come dimostrano anche i recenti provvedimenti adottati dalle forze dell’ordine e dagli ispettori del fisco e della previdenza. I Comuni che devono elaborare i Documenti Unici di Programmazione (DUP) e stanno ragionando sui Bilanci di Previsione per l’anno prossimo, valutino anche questa opportunità e si impegnino a fare di più e meglio sul versante della lotta all’evasione: chi ancora non l’ha fatto aderisca a questi accordi con l’Agenzia delle Entrate e, soprattutto, si attrezzino affinché questa attività sia svolta effettivamente e con efficacia.”

Leopold, sparato e abbandonato in strada: il cane ‘molisano’ salvato dalla morte ora è una piccola star nel Nord Italia

Si chiama Leopold e nel 2014 venne trovato nel territorio di Gildone, sul ciglio della strada, morente. Venne salvato da un gruppo di volontari delle associazioni animaliste, che lo hanno curato e ridato una nuova vita. Oggi quel cane vive nel Milanese, non solo ha una padrona che lo adora ma è una piccola star locale. A luglio ha partecipato alla prima edizione di “Scodinzolando per Concorezzo” (provincia di Monza), manifestazione promossa dall’Associazione commercianti con il supporto di tanti partner, a partire dal Comune. Il cane si è aggiudicato il primo premio nella speciale categoria di “Anziano più arzillo”. Leopold ha conquistato la giuria e le centinaia di persone presenti in piazza grazie alla sua eleganza. Dopo la premiazione è stata raccontata la sua storia, una storia a lieto fine. “Era la prima uscita in società così pubblica di Leopold – ha raccontato a Concorezzo.org Paola De Girolamo, la sua attuale proprietaria. – Stava bene. Lo hanno recuperato nel 2014 su un ciglio stradale a Gildone, in provincia di Campobasso. Era abbandonato a se stesso, con la rogna. Gli avevano sparato, lasciando pallini di carabina nel corpo e aveva una zampa ricucita. Apac (Associazione Protezione Animali Campobasso), Enpa, Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali, sezione di Campobasso), l’Associazione albergatori di Montepulciano e la clinica Pezzuto lo hanno salvato, curato e poi io l’ho adottato nel 2015. Per Leopold sabato è stato un riscatto, la rivincita contro chi lo voleva morto e lo ha lasciato morire lentamente, lo ha picchiato tanto, che tremava vicino agli uomini , non lo ha mai accarezzato, fatto giocare, ma solo usato per guardia; e quando si è ammalato anche con la leishmania, lo ha cacciato per il paese. Ora è sereno negli ultimi anni della sua triste storia. A Gildone si è cercato di scoprire chi lo ha maltrattato ma invano. Per voi umani senza umanità e pietà, lui ce l’ha fatta, nonostante lo volevate morto“.

(fonte concorezzo.org)

Week-end rombante con le auto d’epoca a Gildone, le Vespa a Venafro, il motoraduno del grano a Jelsi e lo slalom di Cercemaggiore

Una Fiat 500 sospesa a mezz’aria può star a significare solo una cosa: l’immancabile appuntamento con il raduno di veicoli storici a Gildone. Dune Buggie aerografate, Maggiolini cabrio, Alfa Romeo e modelli Fiat. Immancabili le Vespa e le 500. Tanti i veicoli classici ed “elaborati” che hanno portato un ennesimo e rinnovato successo alla quinta edizione del raduno organizzato dal Club di Gildone, dall’Associazione Culturale “John Molise” e dal gruppo Pro-Cappella San Nicola.
Si è cominciato sabato 23 luglio con il concerto dei “WALLSIDE” (tribut band PINK FLOYD) ma i motori sono stati accesi domenica mattina presso il piazzale adiacente la Cappella di San Nicola in Via Roma con consueta iscrizione e colazione offerta dall’organizzazione. E’ seguita la Santa Messa in onore di San Nicola e la benedizione delle auto d’epoca con sfilata lungo le principali vie cittadine, attraversando il comune di Jelsi fino a raggiungere il comune di Riccia per una visita guidata alle bellezze del Paese (centro storico, la Torre e il museo) e sosta culinaria con rinfresco offerto dall’Amministrazione Comunale fino a consumare un lauto pranzo. In serata concerto dei “BILLY PICKERS” (Rockabilly band). Da segnalare sempre per domenica 24 luglio nell’ambito “riccese” l’uscita del locale club La dolce vita a Campitello di Sepino.
Tornando al raduno gildonese, la manifestazione, ogni anno registra un grande successo di pubblico, grazie anche alla partecipazione di numerosi Club, configurandosi ormai come punto di riferimento per gli appassionati di motori, ma anche dell’ottima musica live!
L’intero ricavato della manifestazione sarà devoluto in beneficenza per il restauro della Cappella di San Nicola.
Grande soddisfazione per gli organizzatori che hanno curato la manifestazione in ogni dettaglio potendo vantare la presenza di equipaggi provenienti da vari luoghi con rispetti club.
Un successo su ogni fronte, dunque, che spiana la strada alla prossima edizione che, stando ai numeri di quest’anno, si preannuncia già essere un evento da non perdere.

QUI TUTTE LE FOTO DEL RADUNO DI GILDONE

 

Rombante successo anche per l’evento di Jelsi di sabato 23 luglio con la sedicesima edizione del motoraduno del grano. L’iniziativa, organizzata dal motoclub Biker Jelsi, è iniziata alle 15.00 con le iscrizioni cui è seguita una prova in mini moto per ragazzi dai 7 ai 14 anni. Alle 19.00 si è partiti per il giro turistico attraversando Gambatesa fino al comune di Tufara, facendo poi rientro a Jelsi passando per Riccia. Anche in questo caso numerosi sono stati i motociclisti provenienti anche da fuori regione che hanno preso parte al raduno, con modelli unici, personalizzati con spettacolari disegni e soprattutto con carrozzerie scintillanti e motori rombanti. In chiusura della manifestazione, dopo la cena conviviale, premi offerti dalla FMI sono andati ai club partecipanti (Jamm bell, Black Taurus, Lupo di Cantalupo, Motociclisti da Tavola, Svevo da Lucera, Roma, Falco, quest’ultimo impegnato nella giornata di domenica 24 luglio con un motoraduno in provincia di Isernia). Nel fitto corteo di bolidi della strada si è contata anche qualche moto e motoretta più datata, tra cui le immancabili Vespa.

QUI TUTTE LE FOTO DEL RADUNO DI JELSI

 

vc venafroEd è proprio con lo storico scooter di casa Piaggio che ci spostiamo a Venafro dove domenica 24 luglio si è svolto il quarto Vespa Raduno al quale hanno preso parte club e centauri provenienti da ogni angolo del Molise (tra cui molti vespisti che hanno aderito al VI raduno di Cercepiccola della scorsa settimana) e anche dalle vicine regioni Lazio, Campania, Puglia e Abruzzo facendo registrare alla manifestazione il solito successo che la contraddistingue… chi mastica la gamma Vespa ha potuto rifarsi gli occhi a Venafro trovando una ricca varietà di veicoli che raccontano letteralmente la storia del nostro Paese.
Dopo le iscrizioni e il dono di un gadget il ricco sciame di veicoli è partito per un giro turistico di circa 30 km in direzione di Conca Casale dove si è tenuto un lauto rinfresco. A chiudere la rombante manifestazione il pranzo e le attesissime premiazioni.

slalomA chiudere gli appuntamenti motoristici per questo ennesimo week-end estivo lo slalom di Cercemaggiore (svolto domenica 24 luglio dopo essere stato rimandato dalla data originaria, 26 giugno). Le ruggenti auto da corsa sono partite da località Convento, attraversando contrada Galardi fino a raggiungere il tratto viario che si snoda in direzione di Cercemaggiore (centro abitato) – Cercepiccola – Gildone.
In tanti sono accorsi ad ammirare gli scintillanti veicoli che hanno dato spettacolo per l’intero arco della giornata. Ad anticipare la competizione, sempre nel paese terrazza della Valle del Tammaro, una video simulazione rally allestita grazie all’impegno de “L’Apocalisse”.

LE CLASSIFICHE DELLO SLALOM DI CERCEMAGGIORE

 

CHI HA VINTO LO SLALOM

LE FOTO DELLO SLALOM DI CERCEMAGGIORE

 

A Gildone il quinto raduno di auto d’epoca promosso dal comitato Pro Cappella San Nicola

L’Associazione Culturale “John Molise”organizza il ” V° RADUNO DI AUTO D’EPOCA” che si svolgerà a Gildone il 23-24 Luglio 2016. In allegato il programma completo della manifestazione promossa dal comitato Pro-Cappella San Nicola.

– Sabato 23 Luglio 2016
ore 22:00 – concerto dei “WALLSIDE” (tribut band PINK FLOYD)

– Domenica 24 Luglio 2016
ore 08:30 raduno auto d’epoca presso il piazzale adiacente la Cappella di San Nicola in Via Roma con consueta iscrizione e colazione offerta dall’organizzazione.
ore 10:00 Santa Messa in onore di San Nicola.
ore 11:00 Benedizione delle auto d’epoca e sfilata lungo le principali vie cittadine fino a raggiungere il comune di Riccia per una visita guidata alle bellezze del Paese (centro storico, la Torre e il museo) e sosta culinaria con rinfresco offerto dall’Amministrazione Comunale.
ore 14:00 Pranzo presso il ristorante Villa Anna – Ex Club 51 di Ferrazzano.
ore 21:00 – concerto dei “BILLY PICKERS” (Rockabilly band)

La manifestazione, ogni anno registra un grande successo di pubblico, grazie anche alla partecipazione di numerosi Club, con i loro veicoli classici ed elaborati, dalle intramontabili 500 e 600 agli immancabili Maggiolini, fino a modelli rari e personalizzati, senza escludere le splendide Vespe, che accorrono da più regioni al “RADUNO DI AUTO D’EPOCA ” ormai punto di riferimento per gli appassionati di motori, ma anche dell’ ottima musica live!
L’appuntamento è alle porte del paese, con le iscrizioni ed il rilascio di un attestato, gadget e premi a tutti i partecipanti.

L’intero ricavato della manifestazione sarà devoluto in beneficenza per il restauro della Cappella di San Nicola.

Iscrizione veicolo euro 7.00
Pranzo completo euro 23.00
Pranzo bambini fino a 10 anni euro 15.00
GRADITA PRENOTAZIONE AL 334/3281527 —– 349/5052774

Nuova domenica sotto il segno dei motori tra Vespa e moto. Il calendario raduni in Molise è ancora ricco: ecco alcune date

Nuova domenica sotto il segno dei motori in Molise. Le intramontabili Vespa protagoniste indiscusse ad Isernia in occasione del raduno nazionale organizzato dal locale club e che ha visto equipaggi giungere nel capoluogo pentro da molti luoghi d’Italia. La motoretta di casa Piaggio è stata protagonista anche a Saviano, in provincia di Napoli, dove tra i tantissimi partecipanti si è contato anche qualche vespista proveniente dal Molise. Immancabile la presenza, in questa occasione, dei club di Napoli, Caserta, Mondragone, Avellino, Benevento, San Felice a Cancello, Pomigliano d’Arco, Foggia-Lucera, Polvica di Nola, Maddaloni e tanti altri (FOTO). Proprio i vespisti maddalonesi, insieme a colleghi appartenenti ad altri club, hanno confermato la propria presenza al VI raduno di Cercepiccola aperto a tutti i tipi di veicoli (a due, tre e quattro ruote) del 17 luglio prossimo.
I motori hanno rombato, inoltre, anche a Ferrazzano con il Motogiro per le strade del paese con benedizione dei mezzi nell’ambito dei festeggiamenti del Sacro Cuore di Gesù.
Ma il calendario raduni in Molise si presenta ancora molto ricco: il 9 e 10 luglio le mitiche 500 sfileranno a Termoli. Il 10 luglio sarà la volta della manifestazione di Cercemaggiore (c.da Quartarelle) aperta a Vespa e auto d’epoca. Nella stessa giornata si contano anche il Vespa raduno nazionale di Larino, il raduno motociclistico di Cantalupo e la Motocavalcata di Morcone, appena ai confini della nostra regione (da segnalare anche il recupero della “Giornata della Vespa” a San Salvatore Telesino). Il 17 luglio è la volta del già citato VI Raduno di Cercepiccola. Si prosegue il 24 luglio con il raduno di veicoli storici di Gildone e il quarto Vespa Raduno nazionale di Venafro, il 29-30-31 luglio con il Biker Fest di Santa Maria del Molise e di Limosano (quest’ultimo dal 30 luglio al 1 agosto), e dal 5 al 7 agosto con il Baloma Biker Fest di Cercemaggiore.
Questa del 2016 si preannuncia essere un’estate a tutto gas!

Differenziata, progetto da 300mila euro ‘monitorato’ dagli alunni dell’Ipsasr: venerdì evento conclusivo

Si terrà venerdì 29 aprile, con inizio alle ore 10.00 presso l’aula magna dell’ Ipsasr di Riccia, Istituto Professionale Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale, l’evento conclusivo del progetto “A scuola di Opencoesione (ASOC1516)”. Una mattinata ricca di incontri e confronti sul tema degli open data durante la quale la classe IV dell’IPSASR costituitasi in gruppo di lavoro con il nome “Green Team Riccia” fornirà una relazione frutto del lavoro di monitoraggio e valutazione del “Progetto per la realizzazione e il potenziamento delle infrastrutture per la raccolta differenziata nei comuni di Jelsi, Cercemaggiore, Campolieto, Gildone, Campodipietra e San Giovanni in Galdo.” Il progetto è stato finanziato nell’ambito del Fondo PAR-FSC 2007-2013 per un importo complessivo di più di 326.000 euro. Dopo i saluti del Dirigente Scolastico, professor Umberto Di Lallo, e dei sindaci coinvolti nel progetto, ci saranno le relazioni della Dott.ssa C. Basile di Europedirect Campobasso e della Prof.ssa Giuliana De Simone, responsabile del progetto e la presentazione del lavoro finale degli studenti. Il progetto di monitoraggio civico nasce dal bando del Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca (MIUR), rivolto alle Scuole Secondarie di II Grado e permette ai ragazzi e docenti che vi partecipano di avvicinarsi al mondo della Pubblica Amministrazione attraverso un percorso di monitoraggio e analisi dei dati. L’iniziativa è finalizzata a promuovere in tutti gli istituti d’istruzione secondaria superiore principi di cittadinanza attiva e consapevole attraverso attività di monitoraggio civico dei finanziamenti pubblici tramite l’utilizzo di Open Data, tecniche di Data Journalism e impiego di innovative tecnologie di informazione e comunicazione. Dopo il bando pubblicato a settembre 2015, a fine anno sono state selezionate per l’anno scolastico 2015-2016, le 100 classi di Scuole Secondarie di II Grado che hanno vinto, fra cui la IVA IPSASR di Riccia e altre 3 Scuole molisane. A questo punto gli studenti, coordinati dalla Prof.ssa Giuliana De Simone, hanno dovuto scegliere un progetto da monitorare fra quelli presenti sulla piattaforma OPEN COESIONE (http://www.opencoesione.gov.it/). E’ stato individuato per il monitoraggio il “Progetto per la realizzazione e il potenziamento delle infrastrutture per la raccolta differenziata nei comuni di Jelsi, Cercemaggiore, Campolieto, Gildone, Campodipietra e San Giovanni in Galdo”. “Abbiamo deciso di scegliere questo progetto per il grande interesse delle tematiche ad esso collegate e per la cospicua entità del finanziamento che, in un territorio piuttosto piccolo e isolato come il nostro, è ancora più rilevante”, il commento. “Inoltre, l’indirizzo di studio della nostra scuola è relativo ai servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, dunque, abbiamo ritenuto giusto occuparci di una tematica molto rilevante per la salvaguardia ambientale come i rifiuti e il loro smaltimento. In ultimo, il nostro territorio è stato di recente interessato da gravissimi fatti di cronaca relativi all’interramento illegale di rifiuti tossici che hanno avvelenato terra e acque mettendo in crisi la tradizionale affidabilità e sicurezza dei prodotti agricoli locali. Un aspetto di particolare interesse è costituito da un ulteriore problema nell’organizzazione di un valido sistema di raccolta differenziata vissuto da quei comuni che, molto presenti nel territorio molisano, si definiscono ‘ad insediamento sparso’. Ciò vuol dire che essi hanno un nucleo abitato in cui si concentra parte della popolazione e un territorio di campagna, diviso in contrade, dove la popolazione è insediata in abitazioni singole talvolta non raggiunte dalle strade principali, il che complica le attività di raccolta e smaltimento dei rifiuti”. Da quel momento è iniziata una proficua collaborazione tra gli studenti, i docenti, partner quali Legambiente ed Europedirect, e l’Amministrazione Comunale di Jelsi, capofila del Progetto: il comune ha fornito tutta la documentazione in suo possesso sul progetto e gli studenti hanno potuto studiare e approfondire tutto nei minimi particolari. Il 5 marzo, in occasione dell’Open data day, è stato organizzato un convegno che ha visto la presenza di esperti del settore, dei partner del progetto e degli studenti di tutte le classi molisane impegnate nei lavori di ASOC. A scuola di Opencoesione è un progetto stimolante, che propone delle sfide interessante ai suoi partecipanti e consente di rafforzare i rapporti tra scuola e territorio rendendo gli studenti cittadini attivi e dando l’opportunità ai docenti di adottare una didattica atta a promuovere abilità e competenze importanti per il curricolo e per l’inserimento nel mondo del lavoro.

Primo soccorso, lezioni dell’Unità Mobile all’Istituto Comprensivo di Campodipietra

La maturata sensibilità ai temi della salvaguardia della sicurezza civile richiede iniziative di natura sociale ed educativa, finalizzate a diffondere una cultura della prevenzione e della solidarietà, capace di orientare i giovani verso comportamenti consapevoli e corretti. Con questa prospettiva è importante che il volontariato svolga un percorso di dialogo e interazione con le forze istituzionali presenti sul territorio, disponendosi come utile risorsa attiva e partecipante della vita della comunità. locandina primo soccorso unità mobilePertanto il progetto “Pericoli, Parliamone” intende costituirsi come “luogo” di incontro con le istituzioni e preposte alle attività di monitoraggio e tutela dei giovani, in quanto tramiti per la comunità di cui fanno parte. Nelle finalità statutarie dell’Associazione Unità Mobile di Soccorso Molise – tutte volte alla salvaguardia e alla difesa della persona umana e dell’ambiente – vi sono quelle della sensibilizzazione e informazione ai fini della prevenzione di rischi alla persona in situazioni di pericolo e/o emergenza dovuta ad eventi calamitosi quali terremoti, alluvioni, ecc., o semplicemente di comportamenti da tenere in caso di prestazioni di primo soccorso. Nel mese di marzo l’associazione sarà impegnata nell’Istituto Comprensivo di Campodipietra che comprende gli istituti di Campodipietra, San Giovanni in Galdo, Toro, Ferrazzano, Jelsi e Gildone, dove incontrerà tutte le classi primarie e secondarie e saranno coinvolti oltre 300 alunni. L’iniziativa prevede delle lezioni teorico/pratiche con l’ausilio di video realizzati appositamente per le scolaresche. Una giornata conclusiva avrà luogo a Campodipietra dove confluiranno tutti i ragazzi delle classi partecipanti all’iniziativa, per cimentarsi in percorsi e attività dimostrative.

Bianco risveglio per il Molise, le previsioni meteo: ‘Continuerà a nevicare’. Ecco le scuole chiuse domani

neve 2016 2 (4)Un bianco risveglio per il Molise quello di questa mattina, domenica 17 gennaio, dopo che per giorni gli esperti meteo avevano annunciato imminenti nevicate. Circa 20 centimetri hanno coperto Campobasso e dintorni, l’area matesina, della Valle del Tammaro, del Molise centrale, del Fortore, dell’isernino, dell’alto Molise e delle zone circostanti.
Mezzi spazzaneve e spargisale al lavoro per garantire la viabilità che ha subito lievi rallentamenti. Si raccomanda precauzione e molta attenzione alla guida.
Le previsioni meteo annunciano ulteriori nevicate almeno nelle prossime 24 ore con la coltre bianca che potrebbe arrivare anche a 50 centimetri. Dando uno sguardo alle temperature, nel campobassano il termometro segnerà tra i -1 e i -10 gradi. Più caldo nell’isernino dove la colonnina di mercurio oscilla tra i 2 e i -10 gradi. Leggere spolverate anche in basso Molise ma le temperature restano “alte”, tra i 3 e gli 8 gradi.
Intanto giungono le prime comunicazioni ufficiali da parte dei comuni che per la giornata di domani, lunedì 18 gennaio, hanno disposto la chiusura delle scuole. Di seguito l’elenco (in fase di aggiornamento):

Acquaviva Collecroce
Agnone
Bagnoli del Trigno
Baranello
Belmonte del Sannio
Bonefro
Busso (chiusura disposta anche per martedì 19 gennaio)
Carovilli
Campobasso
Campodipietra
Campolieto
Capracotta
Carovilli
Casacalenda
Castellino del Biferno
Castelmauro
Castropignano
Cercemaggiore
Cercepiccola
Civitanova del Sannio
Colletorto
Ferrazzano
Fossalto
Frosolone
Gambatesa
Gildone
Guardiaregia
Jelsi
Larino
Limosano
Macchiagodena
Macchia Valfortore
Mafalda (chiusura disposta anche per martedì 19 gennaio)
Matrice
Mirabello Sannitico
Miranda
Monacilioni
Montagano
Montecilfone
Montefalcone nel Sannio
Montenero di Bisaccia
Montorio nei Frentani
Morrone del Sannio
Oratino
Palata
Petrella Tifernina
Poggio Sannita
Riccia
Ripalimosani
Ripabottoni
Roccavivara
Rotello
Salcito
San Felice del Molise
San Giuliano del Sannio
San Giuliano di Puglia
Sant’Elia a Pianisi
Santa Croce di Magliano
Sepino
Spinete
Tavenna
Torella del Sannio
Toro
Trivento
Tufara
Ururi
Vastogirardi
Vinchiaturo

Sospese anche tutte le attività didattiche nelle sedi universitarie di Campobasso, Pesche e Termoli.
Le lezioni riprenderanno regolarmente il giorno martedì 19 gennaio, salvo eventuali ulteriori necessità in relazione alle condizioni climatiche. Sarà data tempestiva comunicazione, anche a seguito delle attività di verifica in merito ad eventuali danni subiti dagli edifici in relazione alle scosse sismiche registrate nei giorni scorsi. Sarà pertanto consentito l’accesso alle strutture dell’università (sedi di Campobasso, Pesche e Termoli) soltanto al personale docente e tecnico-amministrativo.

GALLERIA FOTOGRAFICA (La foto in evidenza in copertina è tratta da Facebook – Paolo D’Errico)