Ci siamo trasferiti su molisetabloid.com

Gentili utenti,
Molise Tabloid si rinnova. Da lunedì 27 marzo 2017 una nuova piattaforma ospita la nostra testata, presentando solo parzialmente una grafica diversa rispetto a quella precedente. Due gli obiettivi di questa scelta, divenuta ormai necessaria: arginare una serie di problematiche che non hanno garantito il corretto funzionamento del sito nelle ultime settimane (e per tale motivo ci scusiamo con voi); adeguare la piattaforma a nuove esigenze, fra cui ad esempio la progettazione di una versione ‘mobile’ adatta a dispositivi come gli smartphone. Per accedere a Molise Tabloid, cambierà poco o nulla. Nei prossimi giorni, collegandovi a www.molisetabloid.it verrete automaticamente reindirizzati a www.molisetabloid.com (servizio garantito entro le 48 ore successive alla messa online della nuova piattaforma) oppure, se preferite, potrete digitare direttamente l’indirizzo web www.molisetabloid.com. Sui social network, invece, compariranno direttamente i link del nuovo sito. L’attuale piattaforma (molisetabloid.altervista.org) sopravviverà come archivio storico, accessibile sul nuovo sito attraverso un banner laterale apposito. Scusandoci per il disagio e ringraziandovi per la vostra fedeltà, vi invitiamo a continuare a seguirci ed eventualmente a segnalarci suggerimenti circa la nuova grafica.

Morire per un malore a 28 anni sul posto di lavoro, sgomento nella comunità per la scomparsa di Giovanni Colarusso

Ore 11. Ogni mattina si recava sul posto di lavoro, mettendo a disposizione le sue competenze di muratore per guadagnarsi il pane, un lavoro che gli comportava anche spostamenti da un comune all’altro. Ore passate fra impalcature e attrezzi edili, poi la pausa pranzo prima di ricominciare. Anche ieri, come gli altri giorni, Giovanni Colarusso, 28enne di Frosolone, aveva terminato il suo lavoro mattutino, a Civitanova del Sannio, e si era fermato a mangiare un boccone insieme ai colleghi, distraendosi qualche minuto e pensando già a cosa c’era da fare nelle ore successive. Ma proprio in quegli attimi il 28enne ha accusato un malore e si è accasciato a terra, perdendo poco dopo i sensi. Colleghi e altre persone presenti si sono subiti attivati per aiutarlo e hanno allertato i soccorsi, sgomenti di fronte a quel fatto così imprevedibile. Purtroppo quando i medici sono giunti sul posto per il ragazzo non c’era nulla da fare. Un arresto cardiocircolatorio fulminante, senza che il giovane avesse mostrato segnali allarmanti nelle ore precedenti. Pianti e disperazione hanno seguito la scena, mentre conoscenti e forze dell’ordine hanno avvertito familiari e parenti. Giovanni Colarusso risiedeva in una frazione di Frosolone, Colle Carrise, dove viveva coi genitori. Era molto conosciuto in paese e in breve la notizia ha fatto il giro della comunità,  lasciando un vuoto enorme e tanta tristezza. Molti amici in queste ore lo ricordano sui social network con parole di affetto e commozione. Oggi pomeriggio alle ore 15 si terranno i funerali.

Giornata Fai d’Autunno, passeggiata culturale nel centro storico di Civitanova del Sannio. Raccolta fondi ‘Ricordiamoci di salvare l’Italia’

Domenica 16 ottobre l’appuntamento è con la quinta edizione di “FAImarathon – Partecipa alla Giornata FAI d’Autunno e scopri centinaia di luoghi in tutta Italia con visite a tema”, evento nazionale ideato cinque anni fa grazie alla collaborazione con Il Gioco del Lotto e realizzato dai Gruppi FAI Giovani a sostegno della campagna di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia”, attiva fino al 31 ottobre. Una passeggiata culturale nell’Italia più bella che, grazie ai 150 itinerari tematici proposti dai giovani del FAI – da percorrere liberamente, senza punti di partenza o arrivo, per intero o solo in parte, da soli o in compagnia – e alle visite a contributo libero a cura dei volontari della Fondazione, permetterà di vivere una giornata da “turisti a casa nostra”, emozionante e imprevedibile, alla scoperta di più di 600 luoghi di interesse artistico, paesaggistico e sociale che rappresentano l’identità, la storia e le tradizioni delle nostre città. Partecipare il 16 ottobre a questa Giornata FAI d’Autunno consentirà agli italiani di riappropriarsi del loro patrimonio in modo spontaneo e coinvolgente. La delegazione Fai Campobasso sarà impegnata nel Comune di Civitanova del Sannio a partire dalle ore 9.30. La visita si snoderà lungo il centro storico di Civitanova, con i suoi scorci e le sue chiese, per proseguire fino all’abbazia benedettina dell’anno “De iumento albo” dell’anno 1000 d.C.. La “maratona di bellezza e tranquillità” si concluderà con la visita delle pitture rupestri del tardo paleolitico, uniche nel loro genere, un’occasione da non perdere per scoprire un Molise diverso, dei luoghi unici ed incontaminati. La delegazione ringrazia il Comune di Civitanova del Sannio per la disponibilità e collaborazione. Per informazioni si può contattare il FAI Campobasso sulla pagina Facebook (Fai delegazione di Campobasso) oppure alla mail faicampobasso@yahoo.it oppure sul sito www.faimarathon.it. Per tutti gli interessati si consigliano abbigliamento e scarpe comode. Per gli iscritti FAI e per chi si iscriverà per la prima volta durante l’evento – a questi ultimi sarà dedicata eccezionalmente la quota agevolata di 29 euro anziché 39 – saranno riservate aperture straordinarie, corsie preferenziali, attività ed eventi speciali in molte città. Con il Patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e di RAI Segretariato Sociale, l’edizione 2016 di FAImarathon è resa possibile grazie al prezioso contributo de Il Gioco del Lotto, main sponsor dell’evento, legato all’arte e alla cultura da oltre 500 anni, e di CityLife, società impegnata nel progetto di riqualificazione dell’ex quartiere storico della Fiera di Milano, per la prima volta a fianco della Fondazione in qualità di sponsor. Con la Media Partnership di RAI Tgr e il sostegno media di RAI, La7, Gruppo Editoriale L’Espresso, Radio Capital, Radio DEEJAY. Grazie a Province, Comuni, Soprintendenze, Università, Enti Religiosi, Istituzioni pubbliche e private, ai privati cittadini e a tutte le aziende che hanno voluto appoggiare la Fondazione, oltre alle 117 Delegazioni, 85 Gruppi FAI e 76 Gruppi FAI Giovani, e ai 3.500 volontari che con il loro lavoro capillare e la loro collaborazione rendono possibile l’evento. Ferrarelle, acqua ufficiale del FAI, ha donato il suo prodotto per l’iniziativa.

Ladro dei ‘campi’ ruba motosega, spariti altri attrezzi agricoli in una rimessa: 48enne scoperto dai militari

Militari al lavoro contro i reati predatori ma anche in tema di rispetto dei provvedimenti giudiziari e delle norme relative alla sicurezza. A Venafro i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno denunciato un 48enne di Monteroduni per il reato di furto aggravato, in quanto lo stesso aveva asportato una motosega ed altri attrezzi agricoli, custoditi all’interno di una proprietà di un 52enne del luogo. La refurtiva veniva interamente recuperata e restituita al legittimo proprietario. A Castel San Vincenzo i militari della locale Stazione hanno denunciato un 35enne di Castelpetroso per mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice, in quanto si impossessava illecitamente di un autoveicolo che era stato sottoposto a pignoramento dal Tribunale di Isernia e affidatogli in custodia giudiziaria. Infine a Civitanova del Sannio i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Agnone accertavano che un 40enne del luogo, quale organizzatore di una serata di intrattenimento musicale, aveva somministrato bevande alcooliche durante gli orari notturni, in violazione alle vigenti normative in materia di sicurezza stradale, deferendolo così alle competenti Autorità.

Droga: Carabinieri si ‘autoinvitano’ ad una festa privata, giovane studente beccato con la ‘ciliegina sulla torta’

Nell’ambito di un servizio predisposto per contrastare il fenomeno dello spaccio e dell’uso di sostanze stupefacenti, nonché la commissione di reati di tipo predatorio, che maggiormente allarmano la popolazione locale, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Agnone hanno eseguito numerosi controlli e perquisizioni in vari comuni del territorio alto molisano. E proprio durante una delle perquisizioni, eseguita a Civitanova del Sannio, nei pressi di una villa privata, dove era in corso un party organizzato da giovani studenti, un 21enne è stato trovato in possesso di involucri contenenti diverse dosi di hashish. La droga è finita sotto sequestro mentre sono in corso ulteriori indagini per accertare se le dosi erano per uso personale o se destinate anche agli altri giovani partecipanti al party. Il 21enne dovrà intanto rispondere di detenzione illegale di sostanze stupefacenti.

Musicoterapia: supporto a donne in gravidanza, persone ansiose e disabili. La proposta di legge regionale: regolamentare la professione

La proposta di legge del Movimento 5 Stelle Molise, da alcuni giorni in discussione su Rousseau, si intitola: “Norme sulla Musicoterapia, disciplina della formazione e riconoscimento delle figure professionali del musicoterapista e del musicoterapeuta”. La musica non è solo arte fine a se stessa, ma attività poliedrica, ricca di valenze educative e comunicative da collegare facilmente con altre discipline. Ne viene fuori un’attività musicale ricca di stimoli che inducono la persona (anche disabile) a fare, partecipare, creare, a vivere il suono come forza coinvolgente e comunicativa. Una musica che si trasforma: ora diventa ritmo e danza, ora gioco e movimento; una musica generatrice di emozioni, che rilassa, che aiuta ad affrontare e a superare i momenti di ansia, di difficoltà emotiva e di panico. La musica, così, diventa componente di un itinerario educativo e terapeutico, poiché aiuta l’individuo a liberare la propria creatività e a conoscersi meglio. Del resto l’apporto del suono alla qualità di vita e le influenze della musica sul comportamento dell’individuo e sulla sua unità psico-fisico-emozionale sono accertate. Studi importanti sostengono che il tipo di ascolto sviluppato dal momento del concepimento, durante la vita intrauterina e dopo, dalla nascita in poi, può condizionare la maturazione emotivo-affettivo-relazionale dell’essere umano. In Italia, la musicoterapia rientra tra le attività professionali non regolamentate e fa parte delle arti-terapie. Essa è riconosciuta nella pratica clinica, ma non dal punto di vista giuridico. Tuttavia, anche mancando un inquadramento normativo specifico, le scuole di formazione in materia sono proliferate, ma spesso senza garanzie per iscritti e pazienti. Gli obiettivi. La proposta vuole disciplinare la musicoterapia in regione; riconoscere le figure professionali del musicoterapeuta e del musicoterapista; erogare finanziamenti agli pubblici e privati che assumono questi professionisti. Con la proposta, la Regione riconosce la musicoterapia come attività psico-pedagogica e socio-sanitaria di pubblico interesse e ne promuove la diffusione. Qui si intende la Musicoterapia come “uso del suono e dei suoi parametri ad opera di un soggetto qualificato, in un rapporto individuale o di gruppo, al fine di facilitare e promuovere la creatività, l’espressione, l’organizzazione e altri obiettivi terapeutici legati ai bisogni fisici, emotivi, mentali, sociali e cognitivi”. Il Musicoterapista dovrà avere esperienza in una équipe multidisciplinare che garantisca la supervisione clinica e musicoterapica. Il Musicoterapeuta deve avere un’ottima conoscenza della musica e dell’improvvisazione clinica e deve essere abilitato al libero esercizio della professione anche al di fuori delle strutture socio-sanitarie. La musicoterapia interviene in tanti ambiti: educativo-preventivo, riabilitativo, terapeutico, ma sono previste anche attività in gravidanza e parto confermando l’utilità di affiancare attività sonoro-musicali ai tradizionali corsi di preparazione al parto, poiché la musica può aiutare la gestante a rilassarsi, a contenere l’ansia e a raggiungere uno stato di generale benessere psicofisico. La legge prevede che la Giunta regionale, sulla base del fabbisogno, consenta agli enti di formazione di avviare appositi corsi per acquisire la qualifica di musicoterapista e musicoterapeuta, infatti la legge prevede anche l’istituzione dell’albo professionale delle due categorie. I corsi di formazione saranno cofinanziati dalla Regione che ogni anno determinerà criteri e parametri di finanziamento, nell’ambito dei contributi generali erogabili al settore della formazione professionale. La Regione potrà erogare anche contributi in conto capitale per l’acquisto di strumenti musicali, strumentazione elettrica ed elettronica e altro materiale utile all’insegnamento. Modalità e termini per l’accesso ai contributi saranno stabiliti con appositi bandi emanati dalla Giunta. “Dunque, una proposta strutturata, completa, che riempie un vuoto normativo importante”, commentano i 5 Stelle. “Per questo dobbiamo ringraziare l’accademia musicale “Nuccio Fiorda” di Civitanova del Sannio. Il nostro pensiero, in particolare, va al compianto padre presidente dell’Accademia, Franco Santagata, primo redattore di questa proposta”.

Bianco risveglio per il Molise, le previsioni meteo: ‘Continuerà a nevicare’. Ecco le scuole chiuse domani

neve 2016 2 (4)Un bianco risveglio per il Molise quello di questa mattina, domenica 17 gennaio, dopo che per giorni gli esperti meteo avevano annunciato imminenti nevicate. Circa 20 centimetri hanno coperto Campobasso e dintorni, l’area matesina, della Valle del Tammaro, del Molise centrale, del Fortore, dell’isernino, dell’alto Molise e delle zone circostanti.
Mezzi spazzaneve e spargisale al lavoro per garantire la viabilità che ha subito lievi rallentamenti. Si raccomanda precauzione e molta attenzione alla guida.
Le previsioni meteo annunciano ulteriori nevicate almeno nelle prossime 24 ore con la coltre bianca che potrebbe arrivare anche a 50 centimetri. Dando uno sguardo alle temperature, nel campobassano il termometro segnerà tra i -1 e i -10 gradi. Più caldo nell’isernino dove la colonnina di mercurio oscilla tra i 2 e i -10 gradi. Leggere spolverate anche in basso Molise ma le temperature restano “alte”, tra i 3 e gli 8 gradi.
Intanto giungono le prime comunicazioni ufficiali da parte dei comuni che per la giornata di domani, lunedì 18 gennaio, hanno disposto la chiusura delle scuole. Di seguito l’elenco (in fase di aggiornamento):

Acquaviva Collecroce
Agnone
Bagnoli del Trigno
Baranello
Belmonte del Sannio
Bonefro
Busso (chiusura disposta anche per martedì 19 gennaio)
Carovilli
Campobasso
Campodipietra
Campolieto
Capracotta
Carovilli
Casacalenda
Castellino del Biferno
Castelmauro
Castropignano
Cercemaggiore
Cercepiccola
Civitanova del Sannio
Colletorto
Ferrazzano
Fossalto
Frosolone
Gambatesa
Gildone
Guardiaregia
Jelsi
Larino
Limosano
Macchiagodena
Macchia Valfortore
Mafalda (chiusura disposta anche per martedì 19 gennaio)
Matrice
Mirabello Sannitico
Miranda
Monacilioni
Montagano
Montecilfone
Montefalcone nel Sannio
Montenero di Bisaccia
Montorio nei Frentani
Morrone del Sannio
Oratino
Palata
Petrella Tifernina
Poggio Sannita
Riccia
Ripalimosani
Ripabottoni
Roccavivara
Rotello
Salcito
San Felice del Molise
San Giuliano del Sannio
San Giuliano di Puglia
Sant’Elia a Pianisi
Santa Croce di Magliano
Sepino
Spinete
Tavenna
Torella del Sannio
Toro
Trivento
Tufara
Ururi
Vastogirardi
Vinchiaturo

Sospese anche tutte le attività didattiche nelle sedi universitarie di Campobasso, Pesche e Termoli.
Le lezioni riprenderanno regolarmente il giorno martedì 19 gennaio, salvo eventuali ulteriori necessità in relazione alle condizioni climatiche. Sarà data tempestiva comunicazione, anche a seguito delle attività di verifica in merito ad eventuali danni subiti dagli edifici in relazione alle scosse sismiche registrate nei giorni scorsi. Sarà pertanto consentito l’accesso alle strutture dell’università (sedi di Campobasso, Pesche e Termoli) soltanto al personale docente e tecnico-amministrativo.

GALLERIA FOTOGRAFICA (La foto in evidenza in copertina è tratta da Facebook – Paolo D’Errico)

Due piccole scosse di terremoto ‘risvegliano’ il Molise. Epicentro vicino Campobasso

Due lievi scosse di terremoto (rispettivamente di magnitudo 2.1 e 2.0) hanno interessato questa mattina, 3 gennaio (alle ore 6.15 e 6.16) il Molise. I due tremori, sviluppatisi a 11 e 24 chilometri di profondità, vedono il proprio epicentro collocato nei pressi di Campobasso. Come segnala l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, i due piccoli fenomeni hanno interessato diversi comuni:

Oratino
Casalciprano
Busso
Castropignano
Baranello
Torella del Sannio
Sant’Elena Sannita
Spinete
Molise
Colle d’Anchise
Ripalimosani
Frosolone
Fossalto
Vinchiaturo
Fossalto
Ferrazzano
Pietracupa
Limosano
Duronia
Montagano
Mirabello Sannitico
Sant’Angelo Limosano
Macchiagodena
Matrice
Bojano
San Polo Matese
San Biase
Cantalupo nel Sannio
San Giuliano del Sannio
Campochiaro
Cantalupo nel Sannio
San Giovanni in Galdo
Campodipietra
Bagnoli del Trigno
San Massimo
Civitanova del Sannio
Campodipietra
Santa Maria del Molise
Petrella Tifernina
Cercepiccola
Guardiaregia
Gildone
Toro
Chiauci
Castelpetroso
Campolieto
Salcito
Cercemaggiore
Castellino del Biferno
Carpinone
Lucito
Sessano del Molise
Sepino

Sbornia di Capodanno, 35enne si ‘gioca’ la patente. Giovane scoperto con l’hashish

Al fine di contrastare fenomeni di particolare allarme sociale quali i furti in abitazione, reati in materia di stupefacenti e quelli in materia di sicurezza stradale, nelle ultime ore i Carabinieri della Compagnia di Agnone hanno attuato una serie di controlli in varie zone dell’Alto Molise, anche durante le ore notturne.controlli carabinieri Ad Agnone i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno segnalato alla Prefettura di Isernia un 19enne del posto, trovato in possesso di un involucro in plastica contenente 1,20 grammi di “hashish”, sottoposto a sequestro. Nel corso dei numerosi posti di blocco eseguiti lungo le arterie principali del territorio sono stati inoltre effettuati accertamenti su 80 veicoli in transito ed identificate 110 persone tra conducenti e passeggeri. Nei casi sospetti eseguite perquisizioni per la ricerca di armi, droga e refurtiva. In una circostanza, a Civitanova del Sannio, il conducente di un’autovettura, 35enne della provincia di Campobasso, a seguito di un accertamento eseguito dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, mediante l’utilizzo dell’apparato etilometro, è risultato avere un tasso alcolico pari a 0,80 g/l, e pertanto anch’egli è stato segnalato alla Prefettura di Isernia. Nei suoi confronti è scattato inoltre il ritiro immediato della patente di guida.

Egam, sedici sindaci dicono ‘no’: presentati i ricorsi al Tar

Tar MoliseIn sedici si sono allineati all’appello del sindaco di Campodipietra Giuseppe Notartomaso di impugnare la delibera della giunta regionale che questa estate ha istituito l’Egam per la gestione del servizio idrico integrato: oltre a Campodipietra, quindi, hanno presentato ricorso al Tar Molise i Comuni di San Polo Matese, Campochiaro, Busso, Sepino, Montefalcone del Sannio, Guardiaregia, Cantalupo del Sannio, Bonefro, Roccamandolfi, Sant’Agapito, Castelpizzuto, Belmonte del Sannio, Acquaviva d’Isernia, Pescolanciano e Civitanova del Sannio. I primi cittadini, affidandosi agli avvocati Giuseppe Ruta e Massimo Romano, contestano principalmente un aspetto formale e uno sostanziale dell’intera vicenda. Il primo riguarda la delibera che, secondo i sindaci, non era di competenza della giunta bensì del Consiglio regionale, perciò quella esistente sarebbe illegittima. Il secondo, invece, riguarda l’istituzione in sé di un altro ente a partecipazione pubblica, invece del totale trasferimento delle funzioni del servizio idrico integrato alla già esistente Molise Acque, con una conseguente ridefinizione dei costi a carico dei Comuni e il rischio per il futuro di una privatizzazione del servizio derivante dalla necessità per un Comune di vendere le quote di partecipazione ad un privato per gestire nuova liquidità fuori dal Patto di Stabilità.