Ci siamo trasferiti su molisetabloid.com

Gentili utenti,
Molise Tabloid si rinnova. Da lunedì 27 marzo 2017 una nuova piattaforma ospita la nostra testata, presentando solo parzialmente una grafica diversa rispetto a quella precedente. Due gli obiettivi di questa scelta, divenuta ormai necessaria: arginare una serie di problematiche che non hanno garantito il corretto funzionamento del sito nelle ultime settimane (e per tale motivo ci scusiamo con voi); adeguare la piattaforma a nuove esigenze, fra cui ad esempio la progettazione di una versione ‘mobile’ adatta a dispositivi come gli smartphone. Per accedere a Molise Tabloid, cambierà poco o nulla. Nei prossimi giorni, collegandovi a www.molisetabloid.it verrete automaticamente reindirizzati a www.molisetabloid.com (servizio garantito entro le 48 ore successive alla messa online della nuova piattaforma) oppure, se preferite, potrete digitare direttamente l’indirizzo web www.molisetabloid.com. Sui social network, invece, compariranno direttamente i link del nuovo sito. L’attuale piattaforma (molisetabloid.altervista.org) sopravviverà come archivio storico, accessibile sul nuovo sito attraverso un banner laterale apposito. Scusandoci per il disagio e ringraziandovi per la vostra fedeltà, vi invitiamo a continuare a seguirci ed eventualmente a segnalarci suggerimenti circa la nuova grafica.

Ruba un portafoglio con 500 euro nell’auto di un concittadino, assicurata alla giustizia una 47enne dalle “mani di velluto”

I Carabinieri della Compagnia  hanno identificato e denunciato a piede libero una 47enne di Rotello per furto aggravato. Nello scorso mese di febbraio ad un 65enne di Rotello furono asportati 500 euro in contanti dal portafoglio lasciato a bordo della sua autovettura, parcheggiata nel centro abitato del paese.  I Carabinieri della locale stazione, comandata dal maresciallo Luigi Rainò,  al termine dell’attività investigativa, attraverso un attento sopralluogo e minuziosi riscontri, riuscivano ad acquisire gravi indizi di colpevolezza sul conto di una donna del posto, ritenuta responsabile di tale furto. Gli atti sono stati inviati alla Procura della Repubblica di Larino per gli atti consequenziali. (Foto archivio).

Anziano si allontana da casa, ladra 36enne da ‘toccata e fuga’ ne approfitta. Asportati soldi al pensionato. Individuata dai militari

I Carabinieri hanno denunciato in stato di libertà una 36enne, già nota alle forze di polizia, per furto aggravato in abitazione. In particolare, i militari della Stazione di Rotello, dopo la denuncia di furto in abitazione presentata da un pensionato del luogo, hanno avviato le indagini ed hanno acquisito gravi indizi di colpevolezza sul conto di una donna di Rotello, ritenuta la responsabile dell’episodio. Nello specifico i militari hanno accertato che la donna nel mese di febbraio si è introdotta nell’abitazione dell’anziano, lasciata momentaneamente incustodita, ed ha asportato circa 100 euro in contanti. Gli atti sono stati inviati alla Procura della Repubblica di Larino per gli atti consequenziali.

Rubano attrezzi agricoli in un capannone, ‘pizzicati’ e denunciati dai Carabinieri coppia bulgara di 33 e 58 anni

I Carabinieri del Comando Compagnia, hanno denunciato due persone a piede libero un 58enne e una 33enne, entrambe di origine bulgara, per tentato furto aggravato. I due, nei giorni scorsi, sono stati sorpresi, grazie anche alla segnalazione di alcuni cittadini, dai militari dell’aliquota radiomobile di Larino e della Stazione Carabinieri  di Rotello, impegnati nei quotidiani servizi di pattuglia finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati predatori,  mentre si allontanavano frettolosamente da un capannone, sito nella periferia di Rotello, dal quale avevano asportato attrezzi agricoli e materiali ferrosi, abbandonati, poi, sul posto a seguito dell’arrivo degli operanti. Bloccati e condotti in caserma, dopo le formalità di rito, sono stati denunciati a piede libero per il reato di furto aggravato in concorso, inoltre è stata richiesta l’emissione del foglio di via obbligatorio. La refurtiva, interamente recuperata, è stata restituita al proprietario. Gli atti sono stati inviati alla Procura della Repubblica di Larino per le ulteriori incombenze di competenza.

Associazione a delinquere e sfruttamento della prostituzione, arrestato 47enne. Dovrà scontare 4 anni di carcere

I Carabinieri hanno tratto in arresto un 47enne, in esecuzione di un Ordine di Carcerazione per residuo pena emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Campobasso. L’uomo, residente a Rotello e condannato a 5 anni e 6 mesi di reclusione per associazione a delinquere e concorso in favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, commessi nella provincia di Campobasso dal 2007 al 2009, deve scontare una pena residua di 4 anni e 2 mesi di reclusione. L’arrestato è stata associato, dai carabinieri della stazione di Rotello che lo hanno rintracciato ieri pomeriggio nella sua abitazione, presso la Casa Circondariale di Larino a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mandante a cui sono stati inviati gli atti per gli adempimenti consequenziali.

Distretto turistico Molise orientale, Mibact firma il decreto. Nel consorzio entrano a far parte 40 comuni

Distretto turistico “Molise orientale”, via libera dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Il ministro Dario Franceschini ha firmato il decreto che istituisce il consorzio. “Ringraziamo il ministro Franceschini per l’attenzione e il sostegno offerti a un’iniziativa che si fonda e fa leva al tempo stesso sulla volontà di tanti nostri comuni, 40, di unirsi e fare sintesi per favorire nella condivisione un reale sviluppo del potenziale turistico del nostro territorio, puntando, per agevolarla, sull’interlocuzione con le imprese locali”, dichiara il governatore. “Il Ministero ha riconosciuto la qualità della proposta presente nel Distretto “Molise orientale”, una governance attenta e mirata a una visione organica e sistemica pubblico-privato, necessaria alla crescita del settore: siamo soddisfatti”. Dal presidente della Regione “un plauso particolare va al commissario straordinario dell’Azienda di soggiorno e turismo di Termoli, Remo Di Giandomenico, protagonista diretto e partecipe già nella genesi del progetto, e al consigliere delegato al Turismo, Domenico Di Nunzio. Naturalmente – conclude Frattura – siamo riconoscenti ai sindaci e agli amministratori dei centri che hanno aderito: oggi sono loro e le loro comunità l’essenza del Distretto”. La delimitazione dell’ambito territoriale è stata formalizzata a Palazzo Vitale durante la riunione della Conferenza dei servizi, presieduta da Frattura, lo scorso 25 maggio. Fanno parte del Distretto turistico “Molise orientale” i comuni di Acquaviva Collecroce, Bonefro, Campomarino, Casacalenda, Castelbottaccio, Castelmauro, Civitacampomarano, Colletorto, Gambatesa, Guardialfiera, Guglionesi, Larino, Lupara, Macchia Valfortore, Mafalda, Montecilfone, Montefalcone del Sannio, Montelongo, Montemitro, Montenero di Bisaccia, Montorio nei Frentani, Morrone del Sannio, Palata, Petacciato, Portocannone, Provvidenti, Ripabottoni, Roccavivara, Rotello, Salcito, Santa Croce di Magliano, San Felice del Molise, San Giacomo degli Schiavoni, San Giuliano di Puglia, San Martino in Pensilis, Sant’Elia a Pianisi, Tavenna, Termoli, Trivento e Ururi.

Truffa allo Stato, vecchi immobili ristrutturati coi fondi post sisma. Riesame nega dissequestro beni dei cinque indagati

Il Tribunale del Riesame di Campobasso ha rigettato il ricorso dei quattro imprenditori e dell’ingegnere indagati dalla Procura di Larino per truffa allo Stato nell’ambito dei fondi post terremoto. I quattro imprenditori agricoli di Santacroce di Magliano e il tecnico dell’alto Molise avrebbero intascato oltre 550mila euro facendo risultare immobili siti nel comune di Rotello gravemente danneggiate a causa del sisma del 2002, quando in realtà, secondo le indagini della Guardia di Finanza, i danni sarebbero stati provocati da altri fattori. La Procura frentana, nelle scorse settimane, ha fatto scattare il sequestro preventivo per equivalente dei beni delle cinque persone. I giudici del Riesame non hanno accolto la richiesta di dissequestro avanzata dai difensori che annunciano il ricorso in Cassazione. (fonte Ansa)

Truffa allo Stato, contributi ‘generosi’ coi fondi post sisma. Cinque persone indagate. Sequestrati beni e conti correnti

Sequestro preventivo “per equivalente” su conti correnti e di deposito, beni immobili e mobili per un ammontare complessivo di circa mezzo milione di euro. E’ quanto realizzato dai Carabinieri della Compagnia di Larino e dalla locale Procura della Repubblica che coordina le indagini, affidate al Sostituto Procuratore Dott. Federico CARRAI. Il decreto di sequestro, emesso dal GIP del Tribunale di Larino, dott. Daniele COLUCCI, su conforme richiesta della Procura, riguarda quattro imprenditori di Santa Croce di Magliano, operanti nel settore agricolo, e il loro tecnico di fiducia, un ingegnere. Le investigazioni, svolte dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e dirette dalla Procura, hanno consentito di accertare che il tecnico, nella sua qualità di direttore dei lavori e i quattro imprenditori quali proprietari di unità immobiliari site nel Comune di Rotello, ricomprese nel medesimo PEU, in concorso tra loro, con artifici e raggiri consistiti nel far apparire dette unità abitative come gravemente danneggiate dal sisma del 2002, inducevano in errore l’Amministrazione preposta, che elargiva un contributo per la ricostruzione non spettante di otre 550mila euro. Le cinque persone sono anche indagate per il reato di concorso in truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Botte continue alla moglie e alla figlia, arrestato dai Carabinieri padre padrone violento: condotto in carcere

I Carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Larino nei confronti di un 64enne di Rotello per maltrattamenti in famiglia e lesioni. Le indagini, condotte dai Carabinieri della stazione locale, scaturiscono da una serie di denunce per maltrattamento presentate proprio dalla moglie dell’uomo e dalla figlia. Inizialmente quest’ultimo era stato destinatario di provvedimenti meno afflittivi, ma il suo perdurare nella condotta oppressiva e violenta, ha portato il GIP ad emettere, su conforme richiesta della Procura della Repubblica di Larino che ha concordato in pieno con le risultanze investigative, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. L’uomo adesso si trova ristretto presso la Casa Circondariale di Larino e dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Bianco risveglio per il Molise, le previsioni meteo: ‘Continuerà a nevicare’. Ecco le scuole chiuse domani

neve 2016 2 (4)Un bianco risveglio per il Molise quello di questa mattina, domenica 17 gennaio, dopo che per giorni gli esperti meteo avevano annunciato imminenti nevicate. Circa 20 centimetri hanno coperto Campobasso e dintorni, l’area matesina, della Valle del Tammaro, del Molise centrale, del Fortore, dell’isernino, dell’alto Molise e delle zone circostanti.
Mezzi spazzaneve e spargisale al lavoro per garantire la viabilità che ha subito lievi rallentamenti. Si raccomanda precauzione e molta attenzione alla guida.
Le previsioni meteo annunciano ulteriori nevicate almeno nelle prossime 24 ore con la coltre bianca che potrebbe arrivare anche a 50 centimetri. Dando uno sguardo alle temperature, nel campobassano il termometro segnerà tra i -1 e i -10 gradi. Più caldo nell’isernino dove la colonnina di mercurio oscilla tra i 2 e i -10 gradi. Leggere spolverate anche in basso Molise ma le temperature restano “alte”, tra i 3 e gli 8 gradi.
Intanto giungono le prime comunicazioni ufficiali da parte dei comuni che per la giornata di domani, lunedì 18 gennaio, hanno disposto la chiusura delle scuole. Di seguito l’elenco (in fase di aggiornamento):

Acquaviva Collecroce
Agnone
Bagnoli del Trigno
Baranello
Belmonte del Sannio
Bonefro
Busso (chiusura disposta anche per martedì 19 gennaio)
Carovilli
Campobasso
Campodipietra
Campolieto
Capracotta
Carovilli
Casacalenda
Castellino del Biferno
Castelmauro
Castropignano
Cercemaggiore
Cercepiccola
Civitanova del Sannio
Colletorto
Ferrazzano
Fossalto
Frosolone
Gambatesa
Gildone
Guardiaregia
Jelsi
Larino
Limosano
Macchiagodena
Macchia Valfortore
Mafalda (chiusura disposta anche per martedì 19 gennaio)
Matrice
Mirabello Sannitico
Miranda
Monacilioni
Montagano
Montecilfone
Montefalcone nel Sannio
Montenero di Bisaccia
Montorio nei Frentani
Morrone del Sannio
Oratino
Palata
Petrella Tifernina
Poggio Sannita
Riccia
Ripalimosani
Ripabottoni
Roccavivara
Rotello
Salcito
San Felice del Molise
San Giuliano del Sannio
San Giuliano di Puglia
Sant’Elia a Pianisi
Santa Croce di Magliano
Sepino
Spinete
Tavenna
Torella del Sannio
Toro
Trivento
Tufara
Ururi
Vastogirardi
Vinchiaturo

Sospese anche tutte le attività didattiche nelle sedi universitarie di Campobasso, Pesche e Termoli.
Le lezioni riprenderanno regolarmente il giorno martedì 19 gennaio, salvo eventuali ulteriori necessità in relazione alle condizioni climatiche. Sarà data tempestiva comunicazione, anche a seguito delle attività di verifica in merito ad eventuali danni subiti dagli edifici in relazione alle scosse sismiche registrate nei giorni scorsi. Sarà pertanto consentito l’accesso alle strutture dell’università (sedi di Campobasso, Pesche e Termoli) soltanto al personale docente e tecnico-amministrativo.

GALLERIA FOTOGRAFICA (La foto in evidenza in copertina è tratta da Facebook – Paolo D’Errico)