Continua la stagione teatrale: in programma ‘Il lago dei cigni’, ‘Marco Polo’ e ‘Molise Italia Mondo’

Share: Continua la stagione teatrale promossa dalla Fondazione Molise Cultura. Lunedì 19 all’auditorium Unità d’Italia […]

Continua la stagione teatrale promossa dalla Fondazione Molise Cultura. Lunedì 19 all’auditorium Unità d’Italia di Isernia e Martedì 20 dicembre al Teatro Savoia di Campobasso, alle ore 21,00, in scena ROYAL BALLET OF MOSCOW – THE CROWN OF RUSSIA ‘IL LAGO DEI CIGNI’. Martedì 20 dicembre al Teatro Fulvio di Guglionesi, ore 21.00, e Mercoledì 21 dicembre al Teatro Italo Argentino di Agnone, ore 21.00, in scena MARCO POLO, tratto da “le città invisibili” di Italo Calvino, con MARCO CALDORO – GIORGIO CARECCIA – DONATO ARCANO. Mercoledì 21 dicembre, al Piccolo Teatro Gil di Campobasso, ore 21,00, MOLISE ITALIA MONDO, con PASQUALE ARTERITANO, MARCO CALDORO E FRANCESCO VITALE

Nel dettaglio.

La settimana dei teatri molisani promossa da Fondazione Molise Cultura, Regione Molise e Mibact si apre lunedì 19 dicembre all’auditorium Unità d’Italia di Isernia con Il Lago sui Cigni, celebre balletto musicato da Tchaikovsky, portato in scena dal Corpo di Ballo e dai solisti del Royal Ballet of Moscow – The Crown of Russia, compagnia che ha realizzato tournee mondiali, diretto e fondato da Anatoly Emelyanov. Lo spettacolo sarà replicato martedì 20 dicembre al Teatro Savoia di Campobasso. Al Teatro Fulvio di Guglionesi martedì sera, in replica mercoledì 21 dicembre al Teatro Italo Argentino di Agnone, scritto, diretto e musicato da Matteo Patavino, arriva l’esordio per il suo “Marco Polo”, che vede come protagonisti Marco Caldoro e Giorgio Careccia e la splendida voce di Donato Arcano. Mercoledì 21 dicembre, infine, per la rassegna Piccolo Teatro Gil, nell’auditorium di Via Milano a Campobasso uno spettacolo sull’emigrazione, rappresentato in Brasile, in Argentina, in Belgio ed in Canada presso le comunità degli italiani all’estero. “Molise Italia Mondo” è una produzione dell’associazione Incas, interpretato da Pasquale Arteritano, Marco Caldoro e Francesco Vitale.

 

GLI SPETTACOLI

Lunedì 19/Martedì 20 dicembre

Auditorium di ISERNIA e Teatro Savoia di CAMPOBASSO ore 21,00

ROYAL BALLET OF MOSCOW – THE CROWN OF RUSSIA

‘IL LAGO DEI CIGNI’

Balletto in due atti, quattro scene

Musica: Pyotr Ilyich Tchaikovsky

Coreografia: Lev Ivanov, Marius Petipa, A. Gorsky

adattamento A. Emelyanov

Libretto: A. Emelyanov – Costumi e Scenografie: Yuri Samodurov

Diretta da Anatoly Emelyanov, il “Royal Ballet of Moscow – the Crown of Russia” è stato fondato dallo stesso Emelyanov e da Anna Aleksidze nel 1997. Il Corpo di Ballo annovera tra le sue fila ballerini di grande esperienza e raffinatezza artistica, provenienti dai migliori teatri russi. Nel corso degli anni la compagnia ha realizzato tournée in Inghilterra, Irlanda, Stati Uniti, Thailandia, Cina, Giappone, Israele, Messico, Svezia, Germania, Francia, Spagna e Portogallo, riscuotendo un grande successo internazionale. E per la prima volta nella storia del balletto russo, il Royal Ballet of Moscow ha effettuato una tournée nell’Africa orientale, visitando paesi come la Tanzania, lo Zambia e il Kenya. La loro filosofia artistica prevede non solo la messa in scena dei grandi classici del balletto, ma anche la creazione di un repertorio moderno di più ampio respiro, rivolto ad un pubblico sempre più vasto e al contempo esigente. Il repertorio della Compagnia include grandi titoli quali Il Lago dei Cigni, Lo Schiaccianoci, La Bella Addormentata, Giselle, Don Chisciotte, Romeo e Giulietta, Cenerentola, Biancaneve, il capolavoro di Yuri Grigorovich, Spartacus, e balletti in un atto come Carmen, Bolero, Danze Polovesiane, El Amor Brujo, tra gli altri.

Martedì 20 dicembre 2016

Teatro Fulvio – GUGLIONESI ore 21.00

Mercoledì 21 dicembre 2016

Teatro Italo Argentino – AGNONE ore 21.00

MARCO POLO

Tratto da “le città invisibili” di Italo Calvino

CON MARCO CALDORO – Marco Polo – GIORGIO CARECCIA – Kan – DONATO ARCANO – Canto – MICHELA RONCI – Narratrice

Lo spettacolo è liberamente tratto da Le città invisibili di Italo Calvino. Nella disputa tra Polo e Kan, le memorie di Marco compongono l’impianto intorno al quale i racconti delle città lontane diventano report sui luoghi del presente. Una mappa dove s’incrociano teatro e melodramma, cultura orale e scrittura, parola e suoni, forme e linguaggi contemporanei.

Mercoledì 21 dicembre

Piccolo Teatro Gil – CAMPOBASSO ore 21,00

MOLISE ITALIA MONDO

CON PASQUALE ARTERITANO, MARCO CALDORO E FRANCESCO VITALE

Il Molise è da sempre terra di emigrazione: in ogni parte d’Italia, in ogni angolo del mondo c’è una parte di Molise: ne sono la dimostrazione i tanti molisani che, fuori dalla propria terra di origine, hanno portato in alto il nome dell’Italia e del Molise. Questo spettacolo è stato molto apprezzato in occasione della tournée internazionale che lo ha visto rappresentare in Brasile, in Argentina, in Belgio ed in Canada presso le comunità degli italiani all’estero; vuol rendere omaggio a tutti quelli che sono andati a cercar fortuna altrove, ai grandi pensatori come Arturo Giovannitti o alle personalità come il Nunzio Apostolico Mons. Armando Lombardi, dagli imprenditori che hanno esportato il loro ingegno ai letterati come Francesco Jovine e Giose Rimanelli, ma anche a quegli emigranti che hanno umilmente portato con sé la sola forza delle braccia e l’affettuoso ricordo delle proprie radici. “Molise, Italia, Mondo” è un viaggio attraverso i testi che raccontano dell’emigrazione, a margine della storia di una famiglia di migranti, la famiglia Martino, ispirata alla vita reale di una famiglia di Vinchiaturo che “all’alba del Novecento partì per gli Stati Uniti per cercare un po’ di benessere”.
Il recital, intensamente interpretato da Pasquale Arteritano, Marco Caldoro e Francesco Vitale, apprezzati attori molisani già protagonisti di molti spettacoli con alcuni dei migliori artisti della scena teatrale nazionale, è prodotto dall’Associazione Culturale INCAS, per la regia dello stesso Francesco Vitale, con il prezioso supporto di William Mussini e Roberto Faccenda.