Ladri ‘travestiti’ da amici ‘ripuliscono’ le case delle loro vittime, Carabinieri scoprono un complice. Indagini ad una svolta

Share: Nell’ ambito dell’attività di contrasto ai reati contro il patrimonio, a conclusione delle relative […]

Nell’ ambito dell’attività di contrasto ai reati contro il patrimonio, a conclusione delle relative indagini, i Carabinieri della Stazione di Gambatesa hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Campobasso per il reato di favoreggiamento reale un 69enne originario della provincia di Catanzaro ma di fatto senza fissa dimora, già noto alle Forze dell’ Ordine per numerosi reati della stessa tipologia. L’uomo è risultato essere il proprietario dell’autovettura utilizzata per trasportare gli autori di due furti in abitazione commessi a Gambatesa nel novembre scorso ai danni di una 79enne ed una 82enne entrambe del luogo, avvenuti in successione temporale con medesimo modus operandi. Una donna sconosciuta di circa 30 anni, di carnagione bianca, aveva accesso presso le abitazioni delle vittime simulando di avere delle amicizie in comune, lasciando la porta d’ ingresso socchiusa per permettere il successivo accesso ad un complice il quale, mentre la malfattrice distraeva le anziane donne con svariati argomenti, s’ impossessava rispettivamente delle somme di 300 e 1.500 euro in contanti custoditi nelle relative abitazioni. Sono in corso ulteriori indagini per risalire agli autori materiali dei furti.