Morire per un malore a 28 anni sul posto di lavoro, sgomento nella comunità per la scomparsa di Giovanni Colarusso

Ore 11. Ogni mattina si recava sul posto di lavoro, mettendo a disposizione le sue competenze di muratore per guadagnarsi il pane, un lavoro che gli comportava anche spostamenti da un comune all’altro. Ore passate fra impalcature e attrezzi edili, poi la pausa pranzo prima di ricominciare. Anche ieri, come gli altri giorni, Giovanni Colarusso, 28enne di Frosolone, aveva terminato il suo lavoro mattutino, a Civitanova del Sannio, e si era fermato a mangiare un boccone insieme ai colleghi, distraendosi qualche minuto e pensando già a cosa c’era da fare nelle ore successive. Ma proprio in quegli attimi il 28enne ha accusato un malore e si è accasciato a terra, perdendo poco dopo i sensi. Colleghi e altre persone presenti si sono subiti attivati per aiutarlo e hanno allertato i soccorsi, sgomenti di fronte a quel fatto così imprevedibile. Purtroppo quando i medici sono giunti sul posto per il ragazzo non c’era nulla da fare. Un arresto cardiocircolatorio fulminante, senza che il giovane avesse mostrato segnali allarmanti nelle ore precedenti. Pianti e disperazione hanno seguito la scena, mentre conoscenti e forze dell’ordine hanno avvertito familiari e parenti. Giovanni Colarusso risiedeva in una frazione di Frosolone, Colle Carrise, dove viveva coi genitori. Era molto conosciuto in paese e in breve la notizia ha fatto il giro della comunità,  lasciando un vuoto enorme e tanta tristezza. Molti amici in queste ore lo ricordano sui social network con parole di affetto e commozione. Oggi pomeriggio alle ore 15 si terranno i funerali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.