Rientrano in Molise con un ‘panettone’ di hashish, ‘corrieri’ giovanissimi intercettati dalla Finanza: un minorenne e un 21enne arrestati per spaccio

Share: La Guardia di Finanza ha stroncato un traffico di sostanze stupefacenti, procedendo al sequestro […]

La Guardia di Finanza ha stroncato un traffico di sostanze stupefacenti, procedendo al sequestro di 1,1 chili di hashish e all’arresto di due responsabili. L’operazione rientra nell’ambito di servizi mirati al controllo del territorio, volti alla prevenzione e repressione dei traffici illeciti in genere, disposti dal Comando Provinciale di Isernia. Proprio in tale contesto, è stata avviata una vasta attività di contrasto del traffico e spaccio di sostanze stupefacenti nella provincia pentra. In particolare, i militari della Tenenza di Venafro, in località Monteroduni, lungo la S.S. 85 Venafrana, hanno fermato un’autovettura, con a bordo due soggetti, di nazionalità italiana, T.D., 21 anni, e I.I., 17 anni, residenti in due comuni della provincia. Il comportamento dei due viaggiatori, che alla vista delle Fiamme Gialle hanno palesato uno stato di evidente agitazione e di irrequietezza, non è sfuggito all’attenzione dei militari operanti, che hanno proceduto ad un’accurata ispezione dell’autovettura e alla loro perquisizione personale. All’esito di tale attività, sono stati rinvenuti, abilmente occultati sotto il sedile posteriore dell’automezzo, 11 involucri di sostanza stupefacente del tipo “Hashish”, del peso complessivo di 1,100 chili, che è stata sottoposta a sequestro per violazione all’art. 73 del D.P.R. nr. 309/1990. Le successive operazioni di perquisizione presso le abitazioni dei due soggetti, eseguite anche con l’ausilio dell’unità cinofila, hanno dato esito negativo. All’esito di tale attività, costantemente coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Isernia Federico SCIOLI – sotto la direzione del Procuratore Capo Paolo ALBANO – e dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Campobasso, Rossana VENDITTI, i due giovani sono stati tratti in arresto per il reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti ed associati presso la Casa Circondariale di Isernia e presso il Centro di Prima Accoglienza de L’Aquila, relativamente al ragazzo di minore età. Sono in corso mirate indagini al fine di individuare ulteriori soggetti corresponsabili dell’illecito traffico e di ricostruire i canali di rifornimento dello stupefacente. L’operazione testimonia il consolidato impegno della Guardia di Finanza sul territorio pentro, rivolto alla prevenzione e repressione di reati di grave pericolosità sociale, quali quello dello spaccio di sostanze stupefacenti.